/ ATTUALITÀ

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | mercoledì 16 marzo 2016, 14:07

Imperia: sono stati consegnati questa mattina gli attestati ai volontari del corso sull'invecchiamento attivo

Si tratta di pensionati oltre i 60 anni che hanno seguito un corso di formazione per svolgere servizi di vigilanza davanti alle scuole, per l’accompagnamento sugli scuolabus e per l’attività Pedibus, recentemente avviata per i plessi scolastici di piazza Roma

Sono stati consegnati questa mattina gli attestati ai volontari che hanno preso parte alla seconda edizione del corso di formazione per chi è impiegato nei servizi di accompagnamento e custodia dei bambini in età scolare. 

Si tratta di pensionati oltre i 60 anni che hanno seguito un corso di formazione per svolgere servizi di vigilanza davanti alle scuole, per l’accompagnamento sugli scuolabus e per l’attività Pedibus, recentemente avviata per i plessi scolastici di piazza Roma. I volontari non opereranno soltanto nel Comune di Imperia, ma anche in alcuni altri Comuni del Distretto Socio Sanitario, come Dolcedo e San Lorenzo al Mare. 

Il corso, articolato su quattro lezioni, è stato organizzato in collaborazione con il Cespim e finanziato dal dipartimento per le politiche della famiglia della presidenze del Consiglio dei Ministri, nell’ambito delle iniziative della rete per l’invecchiamento attivo e solidarietà fra le generazioni. 

“L’appuntamento di oggi è anche l’occasione per fare un primo bilancio dell’attività svolta dal Distretto Socio Sanitario Imperiese nell’ambito delle attività per l’invecchiamento attivo. Il nostro territorio è caratterizzato da una grande presenza di anziani che devono essere coinvolti in attività che li rendano partecipi. Iniziative come la vigilanza fuori dalle scuole inoltre avvicinano i più piccoli agli anziani. Contiamo quanto prima di coinvolgere anche dei volontari in valle Arroscia” – ha spiegato il presidente del Distretto Socio Sanitario imperiese, Fabrizio Risso. 

Alla premiazione era presente anche Matteo Lupi, presidente del Cespim, Centro Servizi al Volontariato della provincia di Imperia, che ha realizzato i corsi. “Siamo molto contenti del successo ottenuti dai corsi organizzati, per questo un particolare ringraziamento va ai volontari che hanno aderito e seguito con dedizione le lezioni. Gli eventi formativi sono essenziali per il mondo del volontariato a cui oggi è chiesta sempre maggior professionalità”. 

Ecco i nomi dei premiati 

ANTEAS 

Daniele Manolio, Guido Fabiano, Giacomo Manini, Angela Frau, Francesco De Meo, Assunta Ascheri, Bruno Ginulla, Alessandro Parodi, Patrizia Sabbatino, Mariapia Milazzo, Angela Campioli, Maria Rosa Balbo, Maria Rosa Giovannetti 

ACI 

Giuseppe Pisciotta, Bruno Pasquino, Farida Maglio, Mino Gazzano, Marialuisa Paglieri, Giuseppe Benanti 

AUSER 

Giuseppe Capasso, Salvatore Capace, Silvano Del Ponte, Renata Ferando, Paolo Umberto Fossati, Defendente Ivaldi, Maria La Corte, Rosa Maria Martinelli, Gualtiero Supertino, Giacomo Vassallo.

"Abbiamo consegnato gli attestati di frequenza ai volontari del corso. - ha spiegato Risso a Sanremo News - E' un progetto finanziato dal dipartimento della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri. E' il secondo ciclo di formazione che il Cespim organizza e quindi oggi abbiamo consegnato gli attestati a tutti i volontari che voglio ringraziare pubblicamente perché svolgono un'importantissima funzione. Nella fattispecie questi volontari svolgono i servizi di accompagnamento dei bambini a scuola, con il pedibus, un progetto che va avanti da un po' di tempo, di accompagnamento sui pulmini e di vigilanza presso gli istituti scolastici.

Sono servizi di fondamentale importanza perché sono richiesti anche dai cittadini, e quindi il progetto consente di coinvolgere le persone anziane in un processo di invecchiamento attivo, e l'altro aspetto fondamentale è che è un progetto intergenerazionale. C'è un rapporto tra il volontario anziano e i bambini. Questo è molto importante. E' un progetto che si concluderà nel 2016. Farà seguito poi un convegno che organizzeremo con l'esito di questo progetto, con tutte le attività che sono state realizzate, non ci sono soltato questo tipo di attività, ma sono state attivate altri tipi di attività, comprese quelle per favorire momenti di attività fisica, ginnastica dolce, nord walking, tutta una serie di attività che consentono alle persone anziane di impegnarsi e rimanere attive. Quindi un progetto che ci ha impegnato come distretto sociosanitario negli ultimi anni, molto importante e il dato più significativo è la creazione di una rete di volontariato che rimarrà anche oltre il progetto e che quindi ne costituisce la vera e propria ricchezza".

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore