/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | lunedì 11 gennaio 2016, 12:49

Imperia: Carlo Capacci al primo posto tra i sindaci più amati della regione e 20esimo in Italia

Secondo la classifica stilata ogni 6 mesi dal Sole24ore, il sindaco di Imperia occupa un posto d'eccellenza nel gradimento dei cittadini. "Spesso siamo stati criticati a gran voce, ma il dato odierno ci da ulteriore slancio per affrontare il 2016 con rinnovato entusiasmo e per risolvere i problemi ancora insoluti della nostra città"

Carlo Capacci, sindaco di Imperia, risulta, ancora una volta, al primo posto tra i sindaci più amati nella nostra regione e occupa la ventesima postazione a livello nazionale. Lo afferma ufficialmente la nuova edizione del “Governance Poll” classifica pubblicata dal Sole24ore ogni sei mesi.

Secondo la classifica, quest’anno, il 53,4% dei potenziali elettori affermano che in caso di elezioni voterebbero il sindaco in carica. Nonostante la posizione invidiabile però, il sindaco di Imperia perde qualche punto rispetto al giorno di elezione, con un -16,10% di gradimento.

Capacci è seguito al 59esimo posto da un altro ligure, Federico Berruti, sindaco di Savona.

"Il sondaggio dimostra come il fare, il lavorare per l’esclusivo bene della città - dichiara soddisfatto il primo cittadino di Imperia -, sia premiante. Nel 2015 abbiamo assunto scelte talvolta difficili e contestate, ma i dati di oggi sono già un primo segnale che la gente, gli elettori, gli imperiesi, sono con noi. Nell’anno appena concluso abbiamo affrontato problemi importanti come la gestione dei rifiuti, la crisi dell’Agnesi, la questione della viabilità e del piano posteggi, le partecipate da riorganizzare, il porto da salvare. Sono soltanto alcuni dei nodi che, dopo anni di immobilismo, abbiamo iniziato a sciogliere, per far uscire Imperia dal torpore. Spesso siamo stati criticati a gran voce, ma il dato odierno ci da ulteriore slancio per affrontare il 2016 con rinnovato entusiasmo e per risolvere i problemi ancora insoluti della nostra città".

Stefania Orengo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore