/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | sabato 12 marzo 2016, 12:41

Bordighera: sulla nuova sede dell’Accademia Balbo, i chiarimenti del Presidente della Protezione Civile

Marongiu: "Cosciente della difficoltà che ci sono ad amministrare una Cittadina come la nostra, rassicuro i nostri Amministratori che hanno tutto il mio sostegno per renderla un luogo sereno e sicuro”.

In relazione all’articolo pubblicato sul nostro giornale ieri con riferimento alla collocazione delle Associazioni in Via Lamboglia “ Accademia d’Arte Balbo “ e “ Associazione Volontari di Protezione Civile A.I.B. Bordighera “, ex Sede degli uffici del Giudice di Pace, la Presidentessa Mariella Marongiu si è detta attonita dalla polemica nata da una obbiettiva osservazione di carattere logistico.

“L’articolo in questione fa apparire le valutazioni della Marongiu come puntigliose prese di posizione mentre, le affermazioni della stessa erano solo osservazioni di un momentaneo disagio. La stessa conferma il suo compiacimento per la collocazione appropriata concessa all’ “Accademia d’Arte Balbo “, quale vanto Bordigotto negli annali della cultura dell’Arte. Rammaricata della negativa interpretazione dell’Architetto Giacomo Pallanca, sottolinea il riconoscimento dell’impegno espresso da questa Amministrazione nei confronti dell’Associazione a cui lei fa capo.

Conferma la collaborazione del Consigliere Bozzarelli, con delega alla Protezione Civile, ed apprezza le opportunità offerte per poter esprimere le potenzialità della propria Squadra. Altresì stupita delle vessazioni di Incapacità di Convivenza con altre Entità, ricorda che Ella si trova alla guida di un Organismo che, proprio per la sua varietà di interventi a cui si presta , è propositiva alle collaborazioni, alle soluzioni in condivisione agli addetti della situazione in atto nonché Rappresentante di un Ente che sorvola ogni genere di discriminazione per il miglior sostegno alle Persone, all’Ambiente e agli Animali.

Delucidandoci , la Marongiu continua: “Tenendo presente che della Protezione Civile poco si conosce, se non per gli addetti ai lavori, è da far presente che questo è un Settore in cui si trovano non poche difficoltà per poter operare professionalmente, spesso siamo ostacolati dallo scetticismo della gente, dalla superficialità con cui, in momenti di tranquillità, si porgono consigli, istruzioni ed eventuali supporti alle persone per evitare scomode situazioni di disagio o veri e propri disastri. La gente non si ferma a riflettere che siamo persone che prestano il proprio servizio totalmente gratuito, che questa non è un’attività a scopo di lucro e di conseguenza, anche noi come tutti loro, abbiamo una vita lavorativa, una famiglia che spesso trascuriamo per prestare il nostro servizio a tutela della loro incolumità.

Loro non sanno quanto sia difficile reclutare persone che veramente abbiano voglia di fare qualcosa per il prossimo, pochi veramente pochi, hanno questo spirito di solidarietà e ringrazio i miei Volontari che sono sempre presenti, in qualsiasi momento io li chiami, impegni inderogabili permettendo - conclude, con tono sereno e rassicurante - L’amore che ho per la mia Città, riversato nella mia passionalità e nella mia apprensione nei confronti di Essa, a volte, viene interpretato come presunzione o mania di protagonismo, essendo io cosciente della difficoltà che ci sono ad amministrare una Cittadina come la nostra, rassicuro i nostri Amministratori che hanno tutto il mio sostegno per renderla un luogo sereno e sicuro”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore