/ ATTUALITÀ

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | venerdì 18 marzo 2016, 18:32

Assodeejay a fianco di Marco Fusi, l'artista multato ieri a Bordighera mentre suonava vicino alla stazione

"Oltre 2 mila euro di multa perché, a detta della polizia municipale, avrebbe violato un articolo di un Regio decreto del 1931 che prevede l’iscrizione al pubblico registro degli artisti di strada per suonare all’aperto. Un decreto che non è nemmeno più in vigore”.

“Marco Fusi, musicista di fama internazionale, è stato multato per aver suonato il clarinetto nel tunnel della stazione ferroviaria di Bordighera, comune della riviera ligure. Oltre 2 mila euro di multa perché, a detta della polizia municipale, avrebbe violato un articolo di un Regio decreto del 1931 che prevede l’iscrizione al pubblico registro degli artisti di strada per suonare all’aperto. Un decreto che non è nemmeno più in vigore”.

Interviene in questo modo ‘Assodeejay’ che prosegue: “Si tratta di una sanzione assurda. Sono allibito. Siamo un Paese dove alcune persone ritengono che indossare una divisa consenta di poter fare qualsiasi. Fortuna che non hanno arrestato direttamente il criminale che osava suonare il clarinetto in un tunnel di una stazione ferroviaria! Magari condannandolo all’ergastolo” commenta ironicamente il presidente nazionale di Assodeejay Mario Di Gioia. “Ma intanto, mentre tutti dicono la propria, chi prende concretamente le difese di questo nostro amico artista? Per quanto ci riguarda, diamo tutta la nostra solidarietà a Marco Fusi e la nostra disponibilità ad assisterlo nel suo percorso per la sua difesa e nella difesa dell'arte e della cultura musicale che in Italia nessuno ha il coraggio di difendere se non a parole. Ecco a cosa serve un’organizzazione come la nostra e a cosa serve iscriversi ad AssoDeeJay – ribadisce -. Non siamo più quelli di prima ma almeno di fronte a casi del genere certamente non lasceremmo un artista solo a difendersi da soprusi così gravi”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore