/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Porto Maurizio Borgo Marina Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | mercoledì 16 marzo 2016, 19:02

Arriveranno anche da Isolabona i ramoscelli di ulivo destinati a Papa Francesco per la Domenica delle Palme

Le fronde di taggiasca, in partenza dalla nostra provincia, si accosteranno quindi alla consolidata tradizione dei ‘parmureli’ che quest’anno sono 2300 di cui 230 di grosse dimensioni.

Anche Isolabona quale membro dell’associazione nazionale Città dell’Olio è stata invitata ad aderire a questa iniziativa nata dall’impulso della Diocesi di Ventimiglia Sanremo in particolare dal Vescovo Mons. Antonio Suetta. Le fronde di cultivar taggiasca, simbolo di Pace, adorneranno Domenica 20 piazza S. Pietro, l’altare e verranno donati a Papa Francesco, al clero e ai fedeli.

I ramoscelli di Isolabona che confluiranno nei 10 metri cubi per tutta la zona di Imperia sono stati forniti da Paolo Cassini del Frantoio Cassini, da Marco Grillo dell’agriturismo Antico Frantoio e da diversi altri cittadini: “Una partecipazione che si rivela motivo di orgoglio per il paese – ha dichiarato l'assessore al turismo Lorenzo Cortelli – una grande soddisfazione essere anche noi protagonisti di questa assoluta novità. Stiamo valutando inoltre la possibilità di inviare a Roma una delegazione”.

I ramoscelli di ulivo, in partenza dalla nostra provincia, si accosteranno quindi alla consolidata tradizione dei ‘parmureli’ che quest’anno sono 2300 di cui 230 di grosse dimensioni tra cui quello realizzato appositamente per Papa Francesco, alto ben 2 metri il tutto per circa 2 mesi di lavoro di ‘intreccio’, unici nel loro genere, perché dopo l’intreccio non vengono ‘pinzati’ ma semplicemente legati.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore