/ AL DIRETTORE

Spazio Annunci della tua città

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

fotografica Praktica MTL 5B modello molto vecchio con flash più obbiettivo supplementare e relativa borsa privato...

monolocale ristrutturato nuovo piano terra senza balcone 3 posti letto 350 m dal mare comodo su tutti i servizi 399...

Abito da sposa tessuto originale ARMANI, modello ARMANI, realizzato da Vogue Sposa di Luciana De Stefano. Tessuto seta...

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | sabato 05 marzo 2016, 18:58

Stato di pericolo alla rotatoria nei pressi dello svincolo di Imperia Est, la segnalazione del collega Stefano Sciandra

“Da giornalista, ma soprattutto da cittadino, mi chiedo se qualcuno si è reso conto che da quando è stata riaperta la rotatoria, otto conducenti su dieci, provenienti da Via Raffaele Andreoli, ignorano l'obbligo di svolta a destra"

“Da giornalista, ma soprattutto da cittadino, mi chiedo se qualcuno si è reso conto che da quando è stata riaperta la rotatoria nei pressi dello svincolo di Imperia Est, otto conducenti su dieci, provenienti da Via Raffaele Andreoli, ignorano l'obbligo di svolta a destra. Gli stessi proseguono bellamente in direzione Oliveto, o peggio ancora, svoltano impunemente in direzione Pontedassio creando situazioni di potenziale pericolo (mi meraviglio che ancora non si siano verificati sinistri). Detto comportamento causa, altresì, nelle fasce orarie di maggior traffico, code gratuite lungo via Andreoli, con gli automobilisti costretti in attesa dietro gli indisciplinati fermi per commettere le manovre VIETATE di cui sopra. Si tratta di un atteggiamento oltretutto che denota poca intelligenza. I tempi di attesa per commettere le infrazioni sono sicuramente superiori a quelli impiegati se tutti svoltassero correttamente a destra usufruendo della rotatoria che consente un rapido scorrimento del traffico. Sarebbe sufficiente piazzare un agente nei pressi dell'incrocio anche per un'ora soltanto per levare un numero esponenziale di sanzioni e ottenere, nel contempo, un effetto deterrente.

Stefano Sciandra”.  

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore