/ AL DIRETTORE

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | sabato 23 gennaio 2016, 12:55

Sanremo, trasferimento di don Pasquale Traetta: l'intervento dell'ex maresciallo Erminio Baghino

"La vicenda del Parroco di Coldirodi da espiantarsi per essere reimpiatato in quel di Airole in contraddittorio con una popolazione che lo ama, ha del paradossale o perlomeno lascia spazi a riflessioni ancorché singolari"

L'ex maresciallo Erminio Baghino interviene in merito alla questione del trasferimento di don Pasquale Traetta

"Caro Direttore,

da un po' di tempo scrivo sempre più di rado ed ancor più raramente mi occupo di episodi che riguardano le curie, la curialita' in genere e la pace dell'anima. Ma la vicenda del Parroco di Coldirodi da espiantarsi per essere reimpiatato in quel di Airole in contraddittorio con una popolazione che lo ama, ha del paradossale o perlomeno lascia spazi a riflessioni ancorché singolari.

Il Vescovo Suetta, particolarmente noto alle recenti cronache imperiesi e anche italiche, dispensatore munifico di prebende ai soggiornanti sulle scogliere intemelie e ai loro protettori in pectore auticollocatisi in accampamenti fatiscenti ed improvvisati in luogo di normali siti ludici per i bimbi ventimigliesi, in un raptus di protagonismo autoritario, ha deciso di imporre una sua scelta di campo, estradando (che termine anch'esso singolare) un sacerdote popolarmente benvoluto (anche qui mi si perdoni l'accostamento politichese) nella frazione Coldirodi, compendiando la sua sostituzione con tre possibili (probabili?) omologhi sconosciuti e probabilmente destinati a saltuari balzi domenicali nella Parrocchia abbandonata (si spera ovviamente il contrario in extrema ratio).

Da insolito spettatore trovo il comportamento di Sua Eccellenza, a meno che non esistano reconditi e non divulgabili motivi ostativi alla presenza del, fino a prova contraria, buon don Pasquale, in palese contrasto con il suo precedente operare in favore di diversi questuanti che forse non avevano il torto di essere italiani e facilmente manipolabili. Spero, per l'anima dell'illustre porporato, che non sia così. Lo spero tanto ed altrettanto non ne sono convinto".  

Direttore

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore