/ AL DIRETTORE

Affari & Annunci

qualificato con esperienza trentennale, cerca lavoro fisso o per extra in provincia di Imperia, disponibilità immediata. Prezzi modici.

Vendesi Autocarro IVECO 109-14 con gru. Anno 1990 - 53.000 Km. Collaudato Prezzo trattabile

VENDESI GENERATORE 18 KW DIESEL. 380V/220V

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | domenica 10 gennaio 2016, 11:11

Sanremo: discussione sul trasferimento di Don Traetta, un ex parrocchiano risponde al lettore Alberto

"Prima di sentenziare qualsiasi cosa vada in piazza a Coldirodi e chieda i motivi di tale sollevazione di massa, non vorremmo ritrovarci come prima con i ragazzi per strada senza una guida pastorale e i tempi non sono più quella di una volta"

“Vorrei rispondere al signor Alberto Russo,

la paura dei parrocchiani di Coldirodi, non è la perdita di Don Pasquale, ma di quello che lui rappresenta, forse non sa che il don è arrivato come Vice Parroco, molti anni orsono per aiutare Don Brianza, oramai avanti negli anni, nelle pratiche di tutti i giorni.

Al suo arrivo non esisteva un oratorio, in chiesa si andava solo per le feste comandate, e i bambini in età di cresima o di comunione, ci andavano solo perché obbligati se non si rischiava di non ricevere detti sacramenti, perché più ci si andava più era facile ricevere le famose medaglie, e chi le scrive ne sa qualcosa; visto che io perché la domenica non andavo a messa per altri impegni familiari, ma comunque andava presso un'altra parrocchia ed in settimana andavo a scuola presso i salesiani, per cui seguivo la messa oppure le preghiere tutte le mattine.

Con questo non voglio che si pensi che Don Brianza non sia stato un ottimo parroco ma penso che quella parrocchia non fosse per lui ma per un parroco di strada com’è il Don.

Da quando c’è il don andare in chiesa è un piacere, e glielo dice un suo ex parrocchiano, che era abituato ad avere un oratorio tutti i giorni e quando arrivava in paese non trovava nulla per giocare se non ci si organizzava da soli.

Detto questo, prima di sentenziare qualsiasi cosa vada in piazza a Coldirodi e chieda i motivi di tale sollevazione di massa, non vorremmo ritrovarci come prima con i ragazzi per strada senza una guida pastorale e i tempi non sono più quella di una volta.

Ho scritto questo con il cuore e credo che questo sia il pensiero di molti miei ex compaesani.

Fabio”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore