/ AL DIRETTORE

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

AL DIRETTORE | martedì 19 gennaio 2016, 13:49

Sanremo: alcune riflessioni della lettrice Silvia Lupi sui fatti accaduti nella settimana appena passata

"Licenziamenti di tre 'Furbetti del Cartellino' a Sanremo, il calo del prezzo del petrolio, problema sicurezza a Sanremo ed in generale..."

“Mentre stavo ‘dadolando’, ossia preparando il dado vegetale come da ricetta in internet per provare ad evitare conservanti, addensanti e simili, meditavo su quanto letto sui quotidiani di oggi. Comincio? Verranno applicati i licenziamenti, qui a Sanremo, a due tre cosidetti ’furbetti del cartellino’ (due operai ed un impiegato) il licenziamento dopo che i casi son stati esaminati da apposita commissione consiliare. Bene! Però mi chiedo del perchè Renzi, o chi per esso, non ha voluto estender la normativa, ’tout de suite’ (entro le 48 ore), per casi i più eclatanti del venir meno al proprio dovere a cominciare dai Parlamentari e, a ‘scendere’, anche ai consiglieri comunali, prevedendo altrettanta severità? E perchè non prevedere multe salate per chi, pur rivestendo un ruolo pubblico a qualsiasi livello, si limita a ‘scaldare la sedia’ senza produrre alcunché di utile per onorare il voto di chi lo ha eletto o l'incarico conferitogli? Un nome? Il ‘mitico’ Razzi, parlamentare di Forza Italia, che conosce a mala pena l'italiano. Già… siamo alle solite. Due pesi e due misure! Ci continuano a prender per fessi. Punto.

Altra storia? Leggo dovunque dei disastrosi effetti sull'economia del calo del prezzo del petrolio, specie dopo che è stato tolto dal Governo Americano l'embargo a quello Iraniano. Scenari inquietanti vengono prospettati tipo: ’deflazione, perdita di posti di lavori per il fallimento di parecchie aziende a causa della non più redditività dell'estrazione, sofferenze delle banche che hanno investito titoli nel settore e così via’… Nessuno, ma proprio nessuno ha messo in rilievo il danno enorme fatto a Madre Terra dalla corsa ossessiva all'estrazione. Addirittura è cambiato il clima! E dell'inquinamento? E delle morti per cancro? Ma anche dei vantaggi che dovrebbero, già ho scritto dovrebbero, venire in tasca al consumatore con vertiginosa caduta del prezzo di benzina, gasolio e gas! Solo poco tempo fa si era scritto di accordi a livello mondiale tra gli Stati cosidetti ’avanzati’ per combattere proprio quell'inquinamento che attanaglia le città e non solo. Ci era stato raccomandato di andar a piedi, abbassare il riscaldamento ecc. ecc. ecc. Ma chi, ad esempio in Italia, ha ‘pompato’ per costruire tante autostrade, far vender tante auto e camion alla allora Fiat, penalizzando il trasporto su rotaie o navi delle merci? Perchè arriva così in ritardo l'uso dell'idrogeno? Ma ci ricordiamo o no delle varie casse integrazioni che lo Stato Italiano, cioè noi cittadini, ha pagato alla Fiat e che abbiamo avuto Ministro della Repubblica Italiana Susanna Agnelli e senatore Gianni Agnelli. Sappiamo pure come siamo stati ‘ricompensati’ dagli eredi e dove han portato le sedi legali ed amministrative gli Agnelli, con il loro amministratore delegato, Marchionne. Guarda caso costui, grande amico di Renzi, si guarda bene dal pagare le tasse in Italia perchè residente in Svizzera. Francamente c'è quasi da esser considerati degli ‘allocchi’ o degli eroi, a seconda dei punti di vista, se molti italiani e non son rimasti in Italia con le loro aziende, a lavorare o a viverci da pensionati. A proposito, i quotidiani dove ho letto degli effetti ‘inquietanti per la diminuzione del costo del petrolio al barile sotto la ‘fatidica soglia di trenta dollari’ sono in mano alla società una volta Fiat.

Altro problema pentitissimo, quello della sicurezza, con la paura di uscire ed esser borseggiati o disturbati se donne e la micro-criminalità di vario genere. Le prime ad esser sconfortate, ne son convinta, sono proprio le forze dell'ordine, tutte. Per forza! Non esistono leggi adeguate e se arrestano qualcuno, viene liberato subito, mentre se vien firmato un foglio di via, rimane lettera morta. Personalmente son molto contenta che si sia restituito il controllo alle frontiere da parte di vari Stati. L'abolirlo è stata una stupidaggine enorme e non solo per l'ingresso esponenziale di immigrati. Per chi arriva, poi per fuggire dalla guerra, inutile girare intorno al problema. Non basta l'accoglienza e parcheggiarli come pacchi postali a non far nulla. Bisogna utilizzarli, predisponendo piani precisi, in lavori socialmente utili. E' ovvio che se se ne stanno a ‘blimbanare’ ne succede di ogni, vedasi il caso di Colonia. Tanti sono giovani, con gli ‘ormoni che bollono’, proprio come i loro simili europei. Dubito molto che, dopo una pesante giornata di lavoro a servizio allo Stato che li ospita, rimanga loro la voglia di ubriacarsi o far bravate! Ma se del caso, ’raus’ foglio di via con accompagnamento forzato e leggi severissime di immediata applicazione, non con norme di ‘interpretazione’ di lana caprina e bizantinismi, come son sempre stati maestri, nel redigerle i nostri politici. Le regole devono esser osservate da tutti, altro che storie! Ma anche qui, ormai, si ha la certezza che la confusione è stata voluta per favorire interessi economici pesanti. Vado a finire i miei dadi. Il commento alla introduzione del canone Rai in bolletta me lo riservo per altra occasione. Alla prossima.

Silvia Lupi”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore