/ AL DIRETTORE

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | sabato 05 marzo 2016, 17:56

1917. La curiosa storia della marchesa Tornaquinci nella Ventimiglia che fu

Il racconto di Pierluigi Casalino

"In un articolo di stampa dell'ottobre 1917 si legge che la marchesa Tornaquinci, al centro di burrascose vicende mondane, si gettò in acqua nel mare di Ventimiglia e, benché vestita, sconfinò in Francia raggiungendo a nuoto Mentone. Il gesto dell'eccentrica nobildonna ebbe una larga eco, nonostante un momento storico piuttosto dimesso, stante la situazione bellica in atto e mentre in Russia si avvicinavano le turbolente giornate della Rivoluzione e l'Italia era alla vigilia della tragedia di Caporetto.

Di lì a poco, infatti, muovendo anche da Ventimiglia, missioni militari alleate inglesi e francesi sarebbero entrate in Italia per sostenere la difesa del nostro esercito difronte alla controffensiva austro-tedesca. Lo stesso giorno in cui le cronache locali e nazionali riportavano la notizia della spericolata e bizzarra attraversata a nuoto della marchesa Tornaquinci verso la Francia veniva anche pubblicata con un certo clamore la notizia delle prime apparizioni mariane di Fatima in Portogallo. L'episodio di cronaca, avente per protagonista l'anticonformista signora fiorentina, aldilà dello scalpore che suscitò, ebbe tuttavia il merito di movimentare la pubblica opinione, distraendola un attimo dalla cupa atmosfera di guerra. Circostanza che finì, peraltro, per riproporre all'attenzione dei media di allora la bellezza del panorama di Grimaldi e della costa intemelia dallo Scoglio Alto alla frontiera italo-francese. Un incanto celebrato da suggestive cartoline d'epoca che ci consentono di ammirare ancora oggi l'immagine, in una certa misura  un po' sbiadita, di uno dei paradisi naturali della Riviera ligure che si tenta di conservare.

Pierluigi Casalino".

Redazione

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore