/ 

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

| lunedì 23 aprile 2018, 12:35

Il bilancio, le manifestazioni e le opere pubbliche: a Sanremo cresce l’attesa per il Consiglio Comunale di questa sera

Attesa una lunga e accesa discussione a Palazzo Bellevue, appuntamento alle 19.30

Il Consiglio Comunale di Sanremo

Lo ha detto lo stesso Assessore Cagnacci, “Il bilancio è uno degli atti più importanti di un’amministrazione pubblica” e, a rigor logica, questa sera nella sala consiliare di Palazzo Bellevue andrà in scena una delle sedute di Consiglio più importanti dell’Amministrazione Biancheri.

Alle 19.30 l’assise sarà chiamata a dare l’ok al Bilancio Preventivo Triennale, il documento che guiderà Sanremo a cavallo tra l’attuale Amministrazione e quella che verrà. E dalle complesse maglie del bilancio passa la lunga serie di programmi che l’attuale Amministrazione ha in mente per Sanremo.

Opere come il restyling di Porto Vecchio, la costruzione del Palazzetto dello Sport a Pian di Poma e la rivoluzione dell’illuminazione a led non sono inserite direttamente nel bilancio perché portate avanti con le formule del leasing costruendo o del project financing. In poche parole saranno cofinanziate da pubblico e privato, formula molto cara all’Amministrazione Biancheri. E anche se non fanno parte del bilancio, sono strettamente legate ai conti del Comune.

Ci sono poi le alienazioni, gli introiti del Casinò (punto sul quale questa sera le opposizioni potrebbero essere particolarmente agguerrite), la gestione dei rifiuti e, non ultime, le manifestazioni.

Sanremo, centro turistico di riferimento per il Ponente ligure, non ha ancora approvato il programma delle manifestazioni estive. Non è stato possibile proprio perché mancava l’ok del Consiglio Comunale. la riunione di questa sera, quindi, potrebbe essere determinante per l’approvazione, la pubblicazione e la definitiva promozione delle manifestazione che il Comune ha in serbo per la bella stagione.

Ricordiamo infine le principali cifre del bilancio preventivo triennale:

LE ENTRATE
Il totale delle entrate ammonta a 133 milioni e 741 mila euro. L’entrata tributaria, nel suo complesso, varrà per il Comune un introito di circa 66 milioni 654 mila euro. Le voci che incidono di più sono l’Imu per 35 milioni circa (5 dei quali frutto del recupero di evasione), la Tari per circa 16 milioni ai quali si possono aggiungere circa 2 milioni frutto del recupero dell’evasione.
I proventi del Casinò ammonteranno a circa 7 milioni 244 mila euro al lordo dell’imposta sui trattenimenti (circa 3 milioni 800 mila euro) e di altre imposte, con un differenziale positivo di circa 2 milioni 891mila euro.
Tra le entrate extra si aggiungono poi circa 5 milioni 400 mila euro del contributo Rai. Tra gli altri 17 milioni di euro di entrate extra le voci che incidono maggiormente sono: il contributo per gli ospiti di ‘Casa Serena’, i proventi dei parcheggi e le ammende per le violazioni al Codice della Strada.
Ci sono poi le entrate dalle alienazioni per un totale di circa 15 milioni 400 mila euro. Tra i beni in fase di alienazione i più ‘ricchi’ saranno l’ex macello e i locali della nuova stazione ferroviaria.

LE USCITE
Al capitolo spese il totale ammonta a circa 92 milioni 758 mila euro. Tra le spese che hanno maggiore incidenza ci sono quelle per il personale dipendente con circa 16 milioni 329 mila euro, con una diminuzione rispetto al 2017.
Grandi spese anche per il sociale (11 milioni circa) e per la pulizia, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti (in totale circa 16 milioni di euro).
Le imposte a carico dell’Ente ammontano a circa 6 milioni 900 mila euro. Ci sono poi le spese per l’acquisto di beni e servizi per un totale di circa 42 milioni 859 mila euro con le più alte legate alla manutenzione ordinaria degli immobili. Per le manifestazioni ordinarie è stato previsto 1 milioni e 200 mila euro circa, per le straordinaria (il Festival) circa 2 milioni e 200 mila euro circa.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore