/ 

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Che tempo fa

Cerca nel web

| giovedì 07 dicembre 2017, 11:09

Inchiesta sulla piscina di Imperia: è omissione d'atti d'ufficio il reato ipotizzato dalla Procura

Per adesso il fascicolo è contro ignoti, ma il Procuratore Aggiunto Grazia Pradella, titolare dell’indagine, vuole far luce sulla vicenda accertando eventuali responsabilità che potrebbero comprendere non solo i vertici della Rari Nantes, la società che gestisce l’impianto, ma anche chi è deputato ai controlli, come per esempio la commissione di vigilanza

E’ omissione d’atti d’ufficio il reato ipotizzato dalla Procura di Imperia che in questi giorni sta indagando a trecentosessanta gradi sulla piscina comunale di Imperia, lo scorso lunedì teatro di un blitz interforze dei Carabinieri del NOE di Genova, della Guardia di Finanza, dell’Arpal e un ufficiale di Polizia Giudiziaria.

Per adesso il fascicolo è contro ignoti, ma il Procuratore Aggiunto Grazia Pradella, titolare dell’indagine, vuole far luce sulla vicenda accertando eventuali responsabilità che potrebbero comprendere non solo i vertici della Rari Nantes, la società che gestisce l’impianto, ma anche chi è deputato ai controlli, come per esempio la commissione di vigilanza.

Nel corso dei controlli sono stati prelevati diversi campioni d’acqua, sono state effettuate fotografie al tetto ed è stata sequestrata della documentazione, probabilmente i bilanci societari che farebbero registrare un corposo debito da parte della Rari.

Dalle indagini sarebbero emersi inoltre mancati controlli proprio sulle acque della piscina. Su questa e altre presunte mancanze di interventi manutentivi rispetto all’accordo tra la Rari Nantes e il Comune di Imperia, che eroga alla società un contributo annuale di 350mila euro, è concentrata l’attenzione degli inquirenti.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore