/ 

Spazio Annunci della tua città

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

fotografica Praktica MTL 5B modello molto vecchio con flash più obbiettivo supplementare e relativa borsa privato...

monolocale ristrutturato nuovo piano terra senza balcone 3 posti letto 350 m dal mare comodo su tutti i servizi 399...

Abito da sposa tessuto originale ARMANI, modello ARMANI, realizzato da Vogue Sposa di Luciana De Stefano. Tessuto seta...

Che tempo fa

Cerca nel web

| venerdì 21 aprile 2017, 12:07

Ventimiglia: Ioculano al 'Forum Mondiale per la Pace' di Madrid, duro attacco alla Francia e all'Ue: “La gestione delle migrazioni deve essere svolta in modo unitario” (video)

“Penso che oggi non si possa parlare solo di accoglienza, ma anche di inclusione – ha detto il Sindaco – però se i paesi dell'Unione europea iniziano a capire che la gestione dei migranti e di questa situazione deve essere in modo unitaria, ci ritroveremo dei piccoli centri chiamati a farsi carico della cosa”.

La gestione dei migranti sta mettendo in crisi l'impianto del modello europeo, se non si inizia a lavorare in maniera unitaria, vuol dire che parliamo solo di accordi economicI, non di politica sociale e nei fatti”.
Lo ha detto il Sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano questa mattina al 'Forum mondiale contro le violenze urbane e l'educazione alla convivenza e alla pace', in corso a Madrid.

Il primo cittadino della città di confine e il Sindaco di Roma Virginia Raggi sono stati gli unici due amministratori italiani invitati al Forum Mondiale per la Pace, dove hanno portato le esperienze di accoglienza dei comuni da loro amministrati e partecipato ai dibattiti in programma

A Ventimiglia – continua il Sindaco Ioculano nel suo intervento - si sta facendo un grande lavoro, tenete conto che ci sono degli esempi completamente atipici rispetto alla normale accoglienza. Abbiamo imparato delle cose in questi anni, come l'importanza della collaborazione con le associazioni: previa autorizzazione della Prefettura, infatti, queste possono entrare e fare la loro attività nel campo, in questo modo abbiamo un occhio esterno che controlla l'andamento del campo e consentiamo loro di dare assistenza. Per lungo tempo abbiamo concesso che chiunque di entrare al campo senza essere identificato, cosa che poi è stata modificata per ragioni di sicurezza, a seguito di alcuni attacchi terroristici.

Penso che oggi non si possa parlare solo di accoglienza, ma anche di inclusione – ha concluso Ioculano – però se i paesi dell'Unione europea non iniziano a capire che la gestione dei migranti e di questa situazione deve essere svolta in modo unitario, ci ritroveremo dei piccoli centri chiamati a farsi carico della cosa”.

Il video del sindaco Ioculano QUI.

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore