/ FESTIVAL DI SANREMO

Che tempo fa

Cerca nel web

FESTIVAL DI SANREMO | mercoledì 19 febbraio 2014, 00:37

Festival di Sanremo 2014: nella prima serata vincono Raffaella Carrà e Yusuf Cat Stevens, l'analisi del debutto

Condividi |  

Selezionate le sette canzoni dei Campioni, fra imprevisti e simpatici siparietti, partito ufficialmente il 64° Festival. Attesa per gli ascolti.

Chi ben comincia….la scenografia non funziona e quindi Fazio tarda ad entrare, comincia il suo monologo sulla bellezza, ma improvvisamente si ripiomba con la mente al Festival del lontano 1995, quando il mitico Pippo salvò la vita ad un uomo che minacciava di suicidarsi buttandosi dalla balconata.Oggi viviamo la stessa disperazione: due operai di un consorzio partenopeo vogliono lanciarsi dal loggione e il presentatore li convince a ripensarci promettendo di leggere la loro lettera di denuncia.

Tutto rientra senza danni. Verità o finzione, Fazio sembra fin troppo sicuro di se’ nel gestire questa situazione e nel riprendere il filo del discorso dopo l’accaduto. Rassicura il pubblico, gli operai stanno bene, si riprende con la bellezza che, secondo Fazio, è una delle cose che salverà il nostro paese. Cerchiamo allora di conservarrla e preservarla questa bellezza, prima che svanisca tutto.

L’ingrigito ma sempre macho Ligabue fa un stupendo omaggio a De Andrè, oggi sarebbe stato il suo 74esimo compleanno, commozione e bei ricordi.

Il Festival è storia, è ricordo, ma è soprattutto allegria e a proposito di spensieratezza e  bellezza entra la Littizzetto, piumata, la femme fatale. Immancabile il siparietto stile “Che tempo che fa” per rompere il ghiaccio. Luciana è emozionata, salivazione azzerata e finalmente inizia la gara.

Arisa passa con  “Controvento” annunciato da uno dei papà della tv Tito Stagno.

Frankie hi-nrg mc  passa con “Pedala” annunciata in sincrono da Tania Cagnotto e Francesca Dallapé.

Gli anni sono passati anche per Letizia Castà che però rimane bellissima, naturalmente bellissima, pur con qualche normale difettuccio. Le fa poco onore il primo abito, risalta di più il suo fisico statuario nel secondo cambio. La scenetta fra la modella francese e Fazio inizia con poco entusiasmo, ma è un crescendo che esplode con il pezzo interpretato per ricordare Enzo Iannacci.

Terza cantante Antonella Ruggiero, passa il turno  “Da lontano”  premiata dalla statuario pallanuotista Amauryz Perez

Avanti il prossimo: Raphael Gualazzi, accompagnato dai Bloody Beetrots porteranno avanti il pezzo“Liberi o no” annunciato dal Professor Luigi Naldini.

70 anni e non sentirli, saltella sul palco come una ragazzina e il fatto che canti in playback è un insignificante dettaglio. La sua chioma bionda è inconfondibile e anche il suo look è impeccabile. La Carrà è un mito! Quando la Raffaella nazionale conclude il suo intervento al Festival, nel duetto improvvisato con la “sosia” Littizzetto cantando Fatalità, balla tutta la sala stampa. Questa canzone è la probabile vincitrice di questa edizione.

La gara prosegue con Cristiano De André, la canzone scelta è “Il cielo è vuoto” premiata da Cristiana Capotondi.

Unico gruppo presente i Perturbazione , la prescelta è “L’Unica” incoronata da Massimo Gramellini, monologo compreso.

Ma come ha fatto Fazio a convincere Yusuf Cat Stevens ad esibirsi al Festival? Le male lingue dicono un assegno consistente, ma sono sinceramente convinta che non sia così. E’ un personaggio molto riservato che ama poco apparire. Il Cat Stevens che conoscevano i miei genitori è morto nel 1978, rinascendo poi con un altro nome Yusuf Cat Stevens in onore della religione a cui si è convertito. Ma che emozione grande sentire dalla sua voce “All you need is love” dei Beatles. La commozione arriva però alle stelle quando voce e chitarra interpreta una sua opera d’arte, la canzone che anche i giovani conoscono, anche se spesso non l’associano a questo grande artista: Father and Son.

Giusy Ferreri chiude la gara della prima serata, “Ti porto a cena con me” è la canzone vincitrice proclamata Marco Bocci.

In fondo arriva anche lo “spottino” della città Sanremo, ma non è uguale a quello dello scorso anno? Forse sono disattenta. Non può mancare neanche la promozione della fiction Rai, con la scusa del siparietto con il “commissario” Bocci.

La prima serata è giunta al termine. Impeccabile la conduzione Fabio/Littizzetto, non potevano sbagliare da coppia collaudata quale sono. Le incertezze ci sono state e sempre ci saranno, Sanremo è sempre Sanremo e quel palco un po’ di ansia la metterebbe a chiunque. Scorrono sul finale le sette canzoni che ritroveremo giovedì sera, le altre sette verranno selezionate nella seconda serata, ma da domani la più canticchiata sarà anche la più televotata?  

Barbara Pasqua

Hai già scaricato
la nostra app?

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore