/ Al Direttore

Al Direttore | 23 marzo 2020, 19:42

Messa in streaming sui social: a Don Rito i ringraziamenti del nostro lettore Marco

“Il suo è un messaggio di speranza di quella speranza che non deve vacillare mai ed è anche un messaggio di fede, di conforto e di preghiera”

Don Rito Alvarez

Don Rito Alvarez

Il nostro lettore Marco Griseri ci scrive per ringraziare Don Rito Alvarez per il servizio di Messa in streaming che in questi giorni sta operando sui social network, per portare una parola di conforto nelle case dei fedeli.

In questo momento di sconforto e di paure, di problemi economici ma anche di esempi eroici dei nostri medici, infermieri, personale OSS, personale addetto alle pulizie e di tutte le persone che lavorano all'interno del nostro Ospedale, vorrei portare alla conoscenza di tutti anche un altro esempio, quello di un sacerdote che sin dall'inizio delle restrizioni per combattere il contagio da questo Coronavirus non ha voluto abbandonare la sua comunità.
Il sacerdote è don Rito, parroco di Perinaldo, Soldano e San Biagio della Cima, sacerdote molto conosciuto dalle nostre parti per aver aperto ai migranti la struttura delle Gianchette a Roverino e per essere il fondatore dell'Organizazzione di Volontariato Angeli di Pace Sanremo e della Fundacion Oasis de Amor y Paz in Colombia. Ebbene come dicevo don Rito si è organizzato e sin da subito ha pensato ad una diretta live sul social Facebook dove con un appuntamento giornaliero, prima alle 17.30 e ora alle 18, celebra la Santa Messa. Abbiamo anche partecipato, venerdì scorso alla via Crucis sempre in diretta all'interno della parrocchia di Perinaldo.
Lui pensava di rivolgersi alla sua comunità parrocchiale ma non è stato così le persone che lo seguono sono di molte città della Diocesi ma anche di altre località lontane addirittura Venezuela, Brasile e la sua Colombia.
Il suo è un messaggio di speranza di quella speranza che non deve vacillare mai ed è anche un messaggio di fede, di conforto e di preghiera per chi, come dice lui, combatte nelle trincee degli ospedali, nelle  pubbliche assistenze, nei supermercati.
Il mio dire, e penso anche quello di molte altre persone, vuole essere un modo per ringraziarlo perché con il suo appuntamento ci fa sentire meno soli e non ci fa mancare la nostra preparazione alla Santa Pasqua.....Grazie don Rito per essere il Pastore che sei.

 

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium