/ Cronaca

Cronaca | 19 febbraio 2020, 12:11

Sanremo: caso di scabbia all'asilo 'Corradi', ecco come l'Istituto è prontamente intervenuto per risolvere il problema

Due macchine a vapore a 180 gradi con la disinfezione e sanificazione di pavimenti, muri ed arredi. I genitori, però, lamentano il fatto di non essere stati avvisati dalla direzione della scuola.

Sanremo: caso di scabbia all'asilo 'Corradi', ecco come l'Istituto è prontamente intervenuto per risolvere il problema

Interviene anche la Fondazione che gestisce l’asilo ‘Francesco Corradi’ di strada Borgo 46 a Sanremo che, nei giorni scorsi, ha visto un bambino sottoposto a tutti i controlli necessari da parte dell’Asl per scongiurare eventuali contagi o trasmissioni della scabbia.

In pratica la direzione dell’istituto conferma quanto da noi già evidenziato nell’articolo pubblicato questa mattina (QUI), ovvero che l’allarme è già rientrato. L’intervento si è svolto venerdì scorso ed è stato portato a termine dalla Coapi, azienda locale specializzata in disinfestazioni. Sono state utilizzate due macchine a vapore ‘Cimex Eradicator’, che erogano vapore saturo secco a 180 gradi. Questo tipo di macchinario consente la disinfezione e la sanificazione di ambienti ed arredi.

Il vapore secco ad altissima temperatura, infatti, coadiuvato dall'additivo sanificante ‘HpMed’, permette di uccidere il 100% degli acari e loro uova senza alcun rischio per la salute, senza lasciare residui e senza l'uso di sostanze chimiche. Con i due macchinari sono state eseguite la disinfezione e la sanificazione accurata degli ambienti al primo e secondo piano dello stabile. Il vapore è stato erogato su pavimenti e pareti fino all'altezza di un metro e 50 ma anche sugli arredi, sui lettini per il riposo dei bambini e sui grembiulini appesi nei corridoi.

La ditta ha poi effettuato l'aspirazione dei liquidi sui pavimenti per rimuovere i residui di acqua conseguenti all'uso del vapore acqueo. Come anticipato già stamattina gli uffici dell’Azienda Sanitaria confermo che, ultimate tutte le procedure previste dal protocollo, non risultano altre persone contagiate, compresi i familiari del bimbo.

Nel frattempo alcuni genitori dei bambini che frequentano l’asilo ‘Corradi’, ringraziando la direzione e l’Asl per il solerte intervento, hanno lamentato l’assenza totale della comunicazione da parte della dirigenza scolastica: “Noi non sapevamo nulla – ci hanno detto alcuni genitori – e siamo venuti a conoscenza del caso solo dal vostro giornale. Chiederemo lumi alla direzione per conoscere il motivo per cui la direttrice non ci ha convocato, quanto meno per renderci edotti del problema. Sappiamo benissimo che si tratta di un caso non grave e, tra l’altro, trattato con professionalità e velocità, però chiediamo in casi futuri di essere informati”.

Carlo Alessi

Videogiornale TG24

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium