/ Attualità

Attualità | 13 febbraio 2020, 13:03

Sanremo: Santa Tecla indisponibile per 'La forza della natura', l'Assessore Ormea "Abbiamo prospettato due soluzioni, tutte rifiutate"

"Di tutto ciò avevo informato già a dicembre Tania Guglielmi e gli organizzatori della mostra, appuntamento culturale a cui l’Amministrazione ha sempre dato il massimo supporto insieme ad altre rilevanti iniziative intraprese volte a ricordare la memoria di Libereso Guglielmi, che ho avuto l’onore e il piacere di conoscere”.

Sanremo: Santa Tecla indisponibile per 'La forza della natura', l'Assessore Ormea "Abbiamo prospettato due soluzioni, tutte rifiutate"

“L’indisponibilità del Forte di Santa Tecla deriva dal fatto che per il mese di aprile la struttura sarà destinata ad ospitare importanti eventi culturali concernenti le celebrazioni per il centesimo anniversario della ‘Conferenza di Pace’ di Sanremo del 1920, in accordo con il Polo Museale di Genova”.

Interviene in questo modo l’Assessore alla Cultura del Comune di Sanremo, Silvana Ormea, in relazione alla presa di posizione (QUI) degli organizzatori della manifestazione ‘La forza della natura’, che dovrebbe svolgersi nello stesso periodo. L’Assessorato alla cultura e tutta la Giunta comunale sono impegnati da tempo nell’organizzazione di questo appuntamento di eccezionale rilevanza storica e culturale a livello internazionale, come peraltro testimoniato dalla recente visita di stato dell’ambasciatore israeliano Dror Eydar e dalla partecipazione organizzativa del Ministero degli Esteri e di realtà culturali di particolare rilevanza in ambito nazionale ed internazionale.

“Tengo a precisare – prosegue la Ormea - che di tutto ciò avevo informato già a dicembre Tania Guglielmi e gli organizzatori della mostra, appuntamento culturale a cui l’Amministrazione ha sempre dato il massimo supporto insieme ad altre rilevanti iniziative intraprese volte a ricordare la memoria di Libereso Guglielmi, che ho avuto l’onore e il piacere di conoscere”.

L’Assessore Ormea conferma inoltre di aver personalmente prospettato agli organizzatori della mostra due alternative: “La prima, cambiare data dell’esposizione in modo da poter mantenere come sede della stessa il Forte di Santa Tecla, in accordo con il Polo Museale di Genova. La seconda, di fronte all’indisponibilità degli organizzatori a cambiare data, mi ero personalmente adoperata per trovare un’altra valida location adatta ad ospitare la mostra ed ero riuscita ad individuare gli spazi adatti al Palafiori, proprio nelle date desiderate dagli organizzatori. Ma anche quest’opzione è stata rifiutata”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium