/ Cronaca

Cronaca | 12 febbraio 2020, 17:55

Bordighera: uomo senza fissa dimora dorme e fa i suoi bisogni davanti a tutti al 'Saint Charles', l'Asl "Stiamo facendo il possibile" (Foto)

Del caso più volte i sindacati di categoria ed anche alcuni utenti hanno avvisato l’Asl 1 Imperiese, sottolineando la difficoltà nel poter lavorare da parte degli addetti di turno.

Bordighera: uomo senza fissa dimora dorme e fa i suoi bisogni davanti a tutti al 'Saint Charles', l'Asl "Stiamo facendo il possibile" (Foto)

Un uomo senza fissa dimora, da tempo vive la notte al ‘Punto di primo intervento’, il pronto soccorso dell’ospedale Saint Charles di Bordighera. Un uomo che, purtroppo, è solo e vive di elemosine dormendo sulle panchine e a volte anche sulle lettighe, anche defecando e urinando ovunque.

Del caso più volte i sindacati di categoria ed anche alcuni utenti hanno avvisato l’Asl 1 Imperiese, sottolineando la difficoltà nel poter lavorare da parte degli addetti di turno. L’azienda sanitaria ci ha confermato che la situazione è nota.  Si tratta di un uomo che frequenta i locali dell’Ospedale di Bordighera da numerosi mesi, soggiornando negli spazi comuni vicini al Punto di Primo Intervento soprattutto nelle ore notturne.

L’Asl ha messo in atto tutte le azioni a disposizione ma l’uomo non si allontana dai locali dell’ospedale. Nel mese scorso è stato richiesto formalmente un intervento al Comune di Bordighera sollecitando anche l’eventuale presa in carico da parte dei Servizi Sociali o altre soluzioni alternative a disposizione.

La Direzione Medica dell’ospedale ha chiesto più volte, nel corso dell’anno appena concluso, l’intervento delle forze dell’ordine e della Polizia Locale. E’ stata contattata anche la Caritas Diocesana ma non si è giunti alla soluzione della problematica sociale dell’uomo. Anche la Guardia Giurata, in attività nelle ore notturne, non riesce a far fronte alla sua presenza il quale, anche se accompagnato all’esterno, rientra nei locali ospedalieri utilizzando altri accessi.

L’auspicio – sottolinea l’Asl 1 Imperiese - è che si possa trovare una soluzione il prima possibile”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium