Eventi - 20 gennaio 2020, 16:23

Partecipazione di Junior Cally al Festival di Sanremo: contro di lui anche l'associazione 'genitori'

"Ci auguriamo che l’amministrazione comunale intervenga sull’accaduto e chieda a ‘difesa di tutte le donne’, l’esclusione al Festival di questo soggetto che non merita neanche un briciolo di visibilità e siamo anche certo che i nostri giovani amanti del rap sappiano ben valutare l buona musica da così tanta violenza”.

Partecipazione di Junior Cally al Festival di Sanremo: contro di lui anche l'associazione 'genitori'

“Spesso si punta il dito, si urla allo scandalo quando si leggono episodi di violenza sulle donne, tanta propaganda in difesa delle donne anche in televisione e poi proprio con uno strumento mediatico, permettiamo la partecipazione di questo cantante ad un Festival così importante dove bisognerebbe ascoltare della buona musica”.

Interviene in questo modo il presidente dell’associazione genitori di Ventimiglia e della provincia e della regione, per fare alcune osservazioni sulla partecipazione del cantante Junior Cally. “Non credo affatto – prosegue - che prima di ingaggiare il personaggio non abbiano ascoltato i suoi pezzi leggendo i testi perché se così fosse non è più il caso di parlare di difesa delle donne visto che la donna là si maltratta in maniera così gratuita. Abbiamo letto articoli che pensavano all’immagine di Sanremo facendo partecipare il soggetto è anche questo penso sia stato un commento di tanta bassezza se si pensa all’immagine e non alla violenza psicologica che viene fatta su ogni donna con il testo delle sue canzoni. Ci auguriamo che l’amministrazione comunale intervenga sull’accaduto e chieda a ‘difesa di tutte le donne’, l’esclusione al Festival di questo soggetto che non merita neanche un briciolo di visibilità e siamo anche certo che i nostri giovani amanti del rap sappiano ben valutare l buona musica da così tanta violenza”.

“Nel 2020 – termina Deborah Murante - non si dovrebbe più parlare di difesa delle donne ma è evidente che siamo ancora nella preistoria e la televisione negli ultimi tempi è proprio un pessimo esempio sull’argomento. Iniziate a pensare che la Donna è alla pari di voi, ometti, vedrete che non si dovrà più parlare di violenza sulle donne e a voi donne vi dico, fatevi rispettare perché nessuno si può permettere di vedervi inferiori... il sesso debole sono loro che con parole e con le mani non sono in grado di confrontarsi alla pari”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

SU