/ Politica

Politica | 19 gennaio 2020, 18:28

Imperia: futuro autostradale, Scajola "Il rinnovo delle concessioni può finanziare la Albenga-Carcare-Predosa

“Come pensiamo di far arrivare il traffico in una autostrada già satura e che crea peso? Già nel 2010 il Cipe aveva ritenuto la progettazione dell’opera, necessaria, ed è un’opera che si finanzia forse con il rinnovo delle concessioni autostradali"

Imperia: futuro autostradale, Scajola "Il rinnovo delle concessioni può finanziare la Albenga-Carcare-Predosa

Si è parlato anche del tema delle concessioni autostradali questo pomeriggio all’incontro sul futuro della Armo-Cantarana, la bretella che unirà le province di Imperia e Cuneo. A pochi giorni dall’annuncio della possibile revoca della concessione ad Atlantia, il sindaco di Imperia Claudio Scajola, dal palco di Pieve di Teco ha lanciato la proposta già avanzata al Mit di un rinnovo del titolo, rivisto “in maniera più efficiente”.

E’ così indispensabile fare un casello nuovo a pochi chilometri da quello attuale, con un investimento da 50 milioni di euro?”, si è chiesto il sindaco, commentando le ultime notizie sulla nascita di nuovi caselli autostradali a Cipressa e Camporosso. “Con la Armo Cantarana, aumenterà il transito di camion, commerci e turisti che da Pieve di Teco arriveranno a Castelvecchio. La conseguenza sarà quella di vietare il transito ai camion, ma in questo modo si perderebbe il senso dell’opera. Vediamo invece di collegare maggiormente la rete autostradale”.

A proposito di questo, il sindaco ha parlato anche della Albenga-Carcare-Predosa, opera che il Mit ha stralciato tra quelle a cui dare la priorità. “Come pensiamo di far arrivare il traffico in una autostrada già satura e che crea peso? Già nel 2010 il Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), aveva ritenuto la progettazione dell’opera, necessaria, ed è un’opera che si finanzia forse con il rinnovo delle concessioni autostradali, con una tariffazione al passaggio, così da inserirla tra le priorità nel nuovo piano settennale”.

Tornando alla Armo-Cantarana, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, dal palco ha definito il traforo “non soltanto strategico per chi ha la residenza ad Albenga, ma anche per chi ce l’ha a Savona, a Genova, a Rapallo e a Spezia, perché vuol dire far crescere un territorio, vuol dire dare opportunità a tutti coloro che ci vivono, di fare impresa in questo territorio, di far crescere i figli e dare un futuro al territorio in cui sono nati".

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium