/ Attualità

Attualità | 02 dicembre 2019, 17:18

Le scuole del comune di Taggia si ripresentano per la bandiera verde: oltre alla Soleri ed alla Mazzini ci sarà anche la Pastonchi (Foto e Video)

Inizia oggi l'iter che potrebbe portare a maggio ad ottenere l'ambito vessillo verde. Per la Pastonchi sarà la prima volta. La veterana del gruppo è la scuola Mazzini che ha iniziato questo cammino già tre anni fa, mentre la Soleri dall'anno scorso.

Le scuole del comune di Taggia si ripresentano per la bandiera verde: oltre alla Soleri ed alla Mazzini ci sarà anche la Pastonchi (Foto e Video)

Prende il via oggi il cammino delle scuole di Taggia per l’ottenimento della bandiera verde. Quest’anno la grande novità è rappresentata dalla presenza di una nuova scuola, la Pastonchi di Arma di Taggia che si unisce alla G.B.Soleri di Taggia ed alla ‘veterana’ dell’iniziativa, la G.Mazzini di Levà. Un'attività che coinvolgerà circa 400 ragazzi e 55 insegnanti.  

All’incontro erano presenti: i rappresentanti delle scuole coinvolte, l’assessore all’istruzione Barbara Dumarte, il consigliere comunale con delega alle politiche giovanili Manuel Fichera, la referente per il Comune Roberta Borioli, il comandante della guardia costiera locale, Flavio Borriello, il responsabile locale della Docks Lanterna Davide Birri e le rappresentanti della FEE (l’ente europeo che assegna il vessillo ndr) Albina Savastano e Martina Dri.




La Soleri seguirà un progetto chiamato ‘Il territorio magico scrigno’ che promuoverà la valorizzazione di alcuni angoli di Taggia, ad esempio attraverso l’abbellimento delle piazze. "Questo progetto punta a coinvolgere gli alunni in modo attivo per la valorizzazione di uno o più  angoli del nostro comune. Il torrente Argentina è molto ricco sia di fauna che di flora e vogliamo far conoscere ai bambini tutti gli animali presenti e ciò che la natura ci offre a livello di piante ed alberi. Penso ad esempio agli ulivi, quindi all’oliva taggiasco orgoglio della nostra terra ma abbiamo anche la lavanda e lo zafferano. - hanno spiegato le insegnanti - Vogliamo far conoscere il territorio e da qui partire per preservarlo e tutelarlo. Questa è un’idea nata dall’iniziativa organizzata dai ragazzi del Servizio Civile comunale che hanno invitato i bambini sulla ciclabile, per raccogliere i rifiuti, poi divisi e conferiti in modo corretto. Da questa esperienza sono diventati più consapevoli, sull’incuria che purtroppo c’è. Anche loro con piccole azioni quotidiane vogliono preservare il territorio”

Diverso, il progetto della scuola Mazzini che da tre anni ottiene la bandiera verde. L’attività non ha ancora un nome definito ma punterà a sensibilizzare le persone sulla diffusione delle plastiche monouso, un grande problema di estrema attualità. 

“Avendo lavorato sull’acqua. I ragazzi erano giunti ad una conclusione con l’invito di ridurre la plastica. - aggiungono le docenti - Quindi quest’anno abbiamo scelto di incentrare il lavoro sulla riduzione della plastica. Due anni fa quando avevano lavorato sulla differenziata, avevano capito che la plastica è sempre la frazione più numerosa. Partendo dall’esperienza dei ragazzi, si arriverà a coinvolgere i genitori e fare delle proprie campagne pubblicitarie per sensibilizzare le famiglie ad un minore uso della plastica”. 

'Riciclambientiamoci', invece sarà il progetto della scuola di Arma di Taggia. “I bambini ci hanno manifestato l’esigenza del rispetto dell’ambiente. I bambini hanno risposto a questa esigenza parlando del riciclo del materiale mandato in discarica, oltre a saperlo anche differenziare. - hanno spiegato le insegnanti - Il nostro sarà un progetto multidisciplinare, chiedendo l’appoggio del territorio. Vorremmo fare una gita che sia inerente al nostro tema, andando a visitare l’area ecologica gestita dalla Docks”. 

Al termine delle presentazioni l’assessore Dumarte ha sottolineato: “Ascoltando da voi i progetti mi rendo conto di come queste idee siano la voce dei ragazzi. Sono i loro occhi che vedono ed identificano le problematiche. Loro che vedono per primi queste criticità e le mettono davanti a noi adulti. Vi promettiamo che da parte nostra ci sarà un grande impegno. Noi cercheremo di venire incontro ai ragazzi perchè crediamo nei vostri progetti”.

Quest’anno, se l'iter sarà portato a termine ed il progetto valutato positivamente, la bandiera verde verrà consegnata oltre che a Taggia anche a: Camporosso Ospedaletti, Riva Ligure, San Lorenzo al Mare, Santo Stefano al Mare, Imperia Diano Marina. A livello provinciale sono coinvolti ben 15 plessi scolastici e 20 scuole. 

L'incontro odierno per la Soleri (QUI) e la Mazzini è stato utile per iniziare ad introdurre la tematica e le attività che saranno al centro del loro cammino. Invece, per la nuova arrivata, la scuola Pastonchi, è stata l'occasione per avvicinarsi alla FEE, capire a livello pratico ed organizzativo quali saranno gli step da affrontare, gli ecocomitati ed infine la richiesta di certificazione. Se i tre progetti delle scuole di Taggia saranno accolti a fine anno scolastico, a fine maggio, verrà consegnata la bandiera verde. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium