/ Attualità

Attualità | 17 novembre 2019, 07:11

'Viaggio nelle frazioni di Imperia', parte da Borgo d'Oneglia la nuova rubrica del nostro giornale alla scoperta dell'entroterra (foto)

Borgo d’Oneglia, una delle sedici frazioni imperiesi, è un grazioso paese di circa trecento abitanti, situato sulla sponda destra del torrente Impero, distante circa 3 km da Oneglia

'Viaggio nelle frazioni di Imperia', parte da Borgo d'Oneglia la nuova rubrica del nostro giornale alla scoperta dell'entroterra (foto)

Parte da Borgo d'Oneglia la nuova rubrica di Imperia News "viaggio nelle frazioni di Imperia", nata con l'intento di conoscere gli abitanti, scoprire le bellezze, ma anche 
le problematiche che affliggono i quartieri periferici del capoluogo ligure.

Borgo d’Oneglia, una delle sedici frazioni imperiesi, è un grazioso paese di circa trecento abitanti, situato sulla sponda destra del torrente Impero, distante circa 3 km da Oneglia. Un tempo, il borgo era legato dal punto di vista amministrativo al paese di Sant'Agata mentre oggi solamente un'antica mulattiera lega i due paesi.

La frazione è divisa in due zone: Borgo alta e Borgo bassa. La Chiesa barocca di San Michele Arcangelo, posta all'inizio del paese, è del XVIII secolo e costituisce il simbolo del paese.

Ad accompagnarci in questo primo viaggio, il consigliere comunale Alessandro Savioli, residente a Borgo d'Oneglia, che ci ha raccontato un po' di storia e le problematiche che affliggono la sua frazione. 

"E' un bel paese dove la gente vive bene, ancora come ai vecchi tempi, - ci racconta - perché la strada finisce qui, non c'è traffico e i bambini giocano per strada. La caratteristica principale di Borgo d'Oneglia è l'acqua. Tramite il rio Tresenda, che ha una sorgente generosa, tutti gli orti del paese sono alimentati da un rigagnolo d'acqua  che scorre tra le vie del paese, 365 giorni all'anno".

"La chiesa di San Michele - continua - è stata ricostruita in stile barocco nel 1700, su una pieve precedente del XV secolo. Un'altra caratteristica del paese sono i carruggi. Peccato però che in molti tratti, i ciottoli originari siano stati sostituiti dal cemento.

Purtroppo, come accade a molte delle frazioni della città, siamo un po' dimenticati e trascurati. Bisognerebbe, per prima cosa, intervenire sulla rete idrica, oramai obsoleta e trovare una soluzione al problema parcheggi. Vorrei infine ricordare che il circolo Borgo d'Oneglia è molto attivo nell'organizzazione di eventi, per valorizzare il territorio e far conoscere il paese, soprattutto nella stagione estiva".

Christian Flammia

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium