/ Attualità

Attualità | 16 novembre 2019, 13:27

Sanremo: scatta la raccolta fondi online per i lavori di sistemazione su Strada Valloni-Tasciaire

"Chiediamo un aiuto concreto, in termini di contributi alle spese che dovremo affrontare, ma anche se qualche azienda volesse aiutarci nella ricostruzione e si proponesse per fare i lavori a prezzi agevolati, potrebbe andare bene".

Sanremo: scatta la raccolta fondi online per i lavori di sistemazione su Strada Valloni-Tasciaire

"Chiediamo un aiuto concreto, in termini di contributi alle spese che dovremo affrontare, ma anche se qualche azienda volesse aiutarci nella ricostruzione e si proponesse per fare i lavori a prezzi agevolati, potrebbe andare bene". 

È questa la richiesta d'aiuto lanciata per le famiglie di strada Valloni Tasciaire a Sanremo. In queste ore è scattata online una raccolta fondi per i lavori a carico del consorzio, per rendere nuovamente transitabile la via che conduce alle abitazioni di una cinquantina di famiglie. 

Il progetto di raccolta fondi è visibile a questo LINK. Nella descrizione delle motivazioni si legge: "Una frana dovuta alle abbondanti piogge degli ultimi tempi ha causato il crollo dell'unica strada che porta alle nostre abitazioni. Una voragine ci divide dalle nostre case e così anche dalle nostre vite quotidiane... Più di 50 famiglie, tra cui anche molti anziani e bambini, si trovano dal 3 novembre a fare i conti con questo disastro". "Difficile, se non impossibile per alcuni, uscire per andare a lavoro e rientrare a casa la sera, soprattutto con il maltempo che continua a imperversare. Ora dobbiamo affrontare la ricostruzione: poiché la strada è consortile, il Comune non può intervenire direttamente, se non con un contributo a lavori iniziati, ma il grosso dobbiamo farlo da soli e le spese sono ingenti. I primi preventivi si aggirano su cifre intorno ai 200mila euro. E' facile comprendere che non è possibile, per molti, trovare i soldi da investire immediatamente per la ricostruzione, che se non parte al più presto può prolungarsi anche per molti mesi".

Nonostante si tratti di una strada privata, il Comune si è attivato allestendo una passerella in sicurezza, per garantire il percorso pedonale. Inoltre è stata allestita anche una ‘pista alternativa’ per le emergenze che va dalla ‘Picchetta’ a San Giovanni. È indubbio però che i disagi siano gravi e la situazione non sia sostenibile. La sistemazione della strada prevede un costo considerevole ma il Comune, secondo il regolamento, prevede di rimborsare il 50%, una volta sistemata la strada e presentate le fatture. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium