/ Eventi

Eventi | 12 novembre 2019, 12:11

Bordighera: da dicembre 'Fughe di teatro e... umorismo", gli organizzatori "Puntiamo a diventare una piccola Cannes del teatro"

Il percorso della stagione 2019-2020 si arricchisce (da quattro a sei spettacoli) grazie alla volontà dell'amministrazione comunale, mantenendo continuità nello spirito e nella linea artìstica guidata dalla Cooperativa CMC/Nidodiragno e da Claudia Claudiano, curatori della rassegna.

Bordighera: da dicembre 'Fughe di teatro e... umorismo", gli organizzatori "Puntiamo a diventare una piccola Cannes del teatro"

Sei titoli, da dicembre a marzo, in un percorso ricco di contenuti e di emozioni quello di ‘Fughe di teatro...e di umorismo a Bordighera’, rassegna che approda alla sua seconda edizione dopo il felice esordio dello scorso inverno.

Analogo è lo spirito e ugualmente significative sono le motivazioni: riportare una tradizione molto forte e sentita nella città che ha ospitato per anni il Salone dell'Umorismo, basato su vignettistica e letteratura comica, e il Festival del cinema umoristico, che per il decennio '55-'64 ha fatto conoscere Bordighera nel mondo ospitando la massima parte dei divi nazionali e internazionali dell'epoca. Il percorso della stagione 2019-2020 peraltro si arricchisce (da quattro a sei spettacoli) grazie alla volontà dell'amministrazione comunale, mantenendo continuità nello spirito e nella linea artìstica guidata dalla Cooperativa CMC/Nidodiragno e da Claudia Claudiano, curatori della rassegna.

Grandi nomi in una serie di lavori caratterizzati dal filo rosso della comicità, a volte esplicita, a volte sottesa, ma sempre inserita in un contesto drammaturgico e registico molto contemporaneo e di grande qualità. L'esordio (sabato 7 dicembre) promette immediatamente motivi di interesse. Maria Amelia Monti è attrice di popolarità commisurata al suo talento. Succede poi che si cimenti con i testi di una autrice sempre amatissima, come Natalia Ginzburg, (torinese, molto legata anche alla Riviera ligure, spesso citata nei suoi racconti), qui apprezzabile in due atti unici ‘La parrucca e Paese di mare’ rappresentativi del percorso letterario portato a teatro. Comico, drammatico, vero, scritto con l'ironia e la leggerezza che rendono la Ginzburg unica nel panorama della narrativa e della drammaturgia italiana, la Monti si cala in un personaggio femminile dolente ma nel contempo comico, che subisce le angherie di un uomo irrisolto e a tratti crudele. Roberto Turchetta è a sua volta perfetto in questa vicenda di coppia ambientata in uno scenario evidentemente vintage.

Il debutto della rassegna è collocato nel weekend dell'Immacolata, in un momento di forte presenza turistica, così come a sua volta arriva nell'ultimo scorcio delle vacanze natalizie il fortunato spettacolo La Bibbia riveduta e scorretta degli Oblivion (domenica 5 gennaio) diretti da Giorgio Gallione. Una sfida per la formazione corale più divertente d'Italia, visto che va a cimentarsi nella versione musical alla Broadway del racconto per eccellenza: la Bibbia.

Fughe di teatro incontra poi (giovedì 16 gennaio), il genio comico ed intenso di Gioele Dix, attore e qui autore di un monologo intenso, personale ed estremamente divertente che ruota attorno all'idea della paternità ignorata, perduta, cercata o ritrovata nel suo Vorrei essere figlio di un uomo felice. Segue (sabato 1 febbraio) ‘Hollywood Burger’, un omaggio al cinema quale patrimonio e bagaglio culturale della nostra identità, attraverso gli esilaranti racconti di Enzo tacchetti (volto notissimo del piccolo schermo) e Pino Quartullo (in veste di attore e regista), con la partecipazione di Fausto Caroli. Enzo e Pino sono due attori che si raccontano al crepuscolo di una carriera fatta sopratutto di occasioni mancate, sul ciglio di una possibile popolarità invero mai arrivata.

Sarà poi una vera emozione il ritorno di una regina dei palcoscenici quale Anna Mazzamauro, qui anche in veste di autrice e regista di Belvedere. Due donne per aria, accompagnata (sabato 15 febbraio) sulla scena da Cristina Bugatty e da Sasà Calabrese, m una commedia dalla poetica felliniana che vede l'incontro tra una eterea signora ed una misteriosa transessuale con una specialissima colonna sonora. E per il gran finale (venerdì 13 marzo) ecco Souvenir, spettacolo diretto da Roberto Tarasco con Francesca Reggiani e Claudio Bigagli e con Francesco Leineri. Si tratta di una commedia irresistibile in equilibrio tra talento e passione, ispirata alla vera Florence Foster Jenkins (improbabile e stonata signora dell'alta società newyorchese con il sogno del canto), scaturita dalla penna di Stephen Temperley e tradotta per il teatro da Edoardo Erba.

Francesca Reggiani offre una grande prova nel portare sul palcoscenico la vicenda che molti hanno incontrato nel film Florence, interpretato da Meyl Streep, Hugh Grant e Simon Helberg (svariati riconoscimenti e nomination agli Oscar e ai Golden Globe). Insomma un crogiolo di emozioni e di incontri per una stagione che riporta ai migliori fasti del passato.

“Le ‘Fughe di teatro... e di umorismo’ tornano a Bordighera con sei spettacoli che, ne sono certo – ha detto il Sindaco Vittorio Ingenito - regaleranno momenti di divertimento, riflessione, emozione. Le pièce, gli attori, gli allestimenti: tutto preannuncia un'altra grande stagione teatrale. Dopo il successo dello scorso anno, che ha fatto registrare il ‘tutto esaurito’, abbiamo scelto di continuare ad offrire ai Cittadini e ai nostri Ospiti la qualità delle idee artistiche e delle interpretazioni, arricchendo inoltre il programma con due ulteriori appuntamenti. Non potevamo fare altrimenti: qualità è ciò che ci siamo impegnati a ricercare, sempre, per quel rinnovato sviluppo turistico per cui Bordighera ha tutto il potenziale. Desidero ringraziare Nidodiragno Produzioni/ CMC e Claudia Claudiano per la passione con cui hanno organizzato la rassegna, e tutti gli artisti e le maestranze che le daranno vita. Si alzi il sipario!”

La rassegna è realizzata con il contributo del Comune di Bordighera ed è organizzata e diretta da Nidodiragno Produzioni/CMC e da Claudia Claudiano. Sono previsti prezzi popolare, dai 20 euro a spettacolo agli 80 per l'abbonamento globale.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium