/ Attualità

Attualità | 12 novembre 2019, 12:02

Funzionari della Mauritania, del Senegal e del Mali in visita al Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana di Ventimiglia

La visita, organizzata dall’OIM Mauritania, Senegal e Mali, rientra nel processo di sviluppo di un modello d’accordo tripartito tra i tre Paesi, per la creazione di un Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana in Mauritania.

Funzionari della Mauritania, del Senegal e del Mali in visita al Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana di Ventimiglia

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), nella settimana del 4 all’8 novembre, ha organizzato una visita studio, integrata da due giorni di discussione, al Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana (CCPD) di Ponte San Luigi, a Ventimiglia. Un incontro che ha visto la partecipazione di alti funzionari dei Ministeri dell’Interno, delle Finanze, della Difesa e degli Affari Esteri del Mali, Mauritania e Senegal.

"La visita, organizzata dall’OIM Mauritania, Senegal e Mali, rientra nel processo di sviluppo di un modello d’accordo tripartito tra i tre Paesi, per la creazione di un Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana in Mauritania (o CCPD), che possa funzionare come centro di coordinamento delle attività di Polizia, Dogana e Gendarmeria, nella zona frontaliera di competenza, e che sarà promotore di scambi d’informazioni relative alle attività di polizia e dogana tra i tre paesi che ne faranno parte" - spiegano i promotori dell'incontro. 

Il progetto, finanziato dall’Unione Europea, rientra in un quadro molto più ampio di attività promosse dalla UE, volte al rafforzamento delle capacità delle forze di sicurezza dei paesi del Sahel. Il CCPD di Ventimiglia, già oggetto di più visite di autorità straniere, si è prestato all’accoglienza delle tre delegazioni, composte tra l’altro dai Direttori delle Polizie di Frontiera e dell’Immigrazione dei tre paesi, nonché da alte cariche istituzionali dei vari Ministeri coinvolti, permettendo ai partecipanti di conoscere e visitare gli uffici e la sala comune, dove le autorità italiane e francesi espletano le loro funzioni di coordinamento, cooperazione e scambio d’informazioni. La visita è stata seguita da due giorni di lavoro intenso dedicati alla redazione di un accordo tra i tre paesi del Sahel, che porterebbe alla costruzione, finanziata dall’Unione Europea, di un CCPD a Selibabi (Mauritania).

I rappresentanti dell’Unione Europea di stanza nei tre paesi ed i due coordinatori del CCPD di Ponte San Luigi, coadiuvati dal personale dell’OIM, hanno guidato la due giorni di riunioni che hanno portato alla stesura di un accordo tra i tre paesi. Questo documento, una volta passato il filtro legale dei tre paesi, sarà inviato ai Ministeri di competenza per la firma.

"L’UE, che finanzia l’attività, e l’OIM, che ne assicura l’implementazione, continueranno a seguire il processo di validazione del documento nei tre paesi, per poter lanciare la costruzione del CCPD di Selibabi già agli inizi del prossimo anno. - concludono - Le autorità dei tre paesi che hanno soggiornato a Ventimiglia durante la loro missione, hanno apprezzato, e ringraziato la città del ponente ligure per l’accoglienza e l’ospitalità, ed hanno assicurato il loro pieno impegno per far sì che l’accordo sia firmato e che la costruzione del centro di cooperazione possa iniziare al più presto".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium