/ Cronaca

Cronaca | 09 novembre 2019, 17:29

Ventimiglia: linea dura della Questura sugli esercizi pubblici, chiuso per 5 giorni il Kebab di via della Stazione

Il Questore della provincia di Imperia, Cesare Capocasa, ha applicato l’articolo 100 del Testo Unico di Pubblica Sicurezza, che può essere utilizzato in caso di comprovata dimostrazione che il locale sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose per l’ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini e quindi possiede caratteristiche di pericolosità sociale.

Ventimiglia: linea dura della Questura sugli esercizi pubblici, chiuso per 5 giorni il Kebab di via della Stazione

Linea dura della Questura di Imperia a Ventimiglia sugli esercizi pubblici. Oggi è stato emesso un provvedimento di sospensione della licenza di somministrazione di alimenti e bevande che è già stato notificato al titolare del ‘Fastfood Pizzeria Kebab Silver Chick’s’ di via della Stazione. La chiusura dell’attività commerciale durerà cinque giorni.

Il Questore della provincia di Imperia, Cesare Capocasa, ha applicato l’articolo 100 del Testo Unico di Pubblica Sicurezza, che può essere utilizzato in caso di comprovata dimostrazione che il locale sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose per l’ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini e quindi possiede caratteristiche di pericolosità sociale. La sua prima applicazione è la premessa di eventuali successive sospensioni che potranno essere di maggiore durata ma anche, in casi estremi, di una possibile revoca della licenza, nel caso in cui l’effetto dissuasivo delle misure precedenti adottate non abbia prodotto alcun effetto migliorativo.

La misura adottata è soltanto uno degli effetti derivanti dal netto incremento dei controlli scattato dopo la recente chiusura della Stazione Ferroviaria durante le ore notturne. La decisione era stata presa dal gruppo ferrovie dello Stato al fine di evitare bivacchi di migranti e senzatetto all’interno della Stazione,  ma nel contempo aveva determinato l’utilizzo del vicino locale pubblico come luogo di ritrovo di persone appena giunte nella città, molte delle quali con pregiudizi di Polizia a carico. In esecuzione delle direttive del Questore, responsabile di tutti i servizi provinciali di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, l’intera area della Stazione ferroviaria era subito stata posta sotto una costante vigilanza dalle Forze dell’Ordine.

Non di rado infatti la Polizia ha effettuato interventi nella piazza Cesare Battisti, sanzionando soggetti in stato di ubriachezza o protagonisti di comportamenti al limite della legalità, verosimilmente clienti dell’esercizio pubblico oggi sanzionato. Solo l’incessante presenza di pattuglie di Polizia ha sempre impedito il verificarsi di situazioni di maggior pericolo. L’assidua perlustrazione di personale della Polizia di Stato lungo la piazza antistante la Stazione ha prodotto risultati positivi soprattutto in termini di prevenzione. Negli ultimi mesi non si sono verificati episodi criminali di rilievo penale.

Il Questore ha poi disposto una serie di controlli amministrativi indirizzati alla verifica della clientela del Fastfood Pizzeria Kebab. I risultati hanno confermato i sospetti della Polizia: nel locale è emersa infatti la presenza assidua di persone con precedenti penali a carico per reati contro la persona, il patrimonio, la pubblica incolumità, in violazione delle norme sugli stranieri e sugli stupefacenti. Soltanto nel mese di ottobre e nei primi giorni di novembre sono stati oltre 70 i clienti identificati all’interno del fast food.

Il provvedimento è la prima conseguenza concreta di un lungo lavoro svolto dagli Agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza della città di frontiera. La chiusura del locale trova la sua giustificazione nella natura esclusivamente preventiva e non sanzionatoria del provvedimento, la cui finalità è quella di salvaguardare le esigenze di ordine pubblico oggettivamente considerate, a prescindere dalle eventuali responsabilità attribuibili al titolare dell’esercizio.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium