/ Politica

Politica | 09 novembre 2019, 12:19

Sanremo: l'Amministrazione risponde sul bando per gli animali, l'Assessore Artusi "Deve essere fatto come obbligo di Legge"

"Il bando punta chiaramente al mantenimento di alti standard qualitativi nel servizio offerto: gli importi erogati dal Comune sono sostanzialmente i medesimi, e con un affidamento triennale anziché annuale si consentirà ai gestori di fare degli investimenti finalizzati a migliorare le aree adibite alla cura degli animali, permettendo loro una migliore programmazione”.

Sanremo: l'Amministrazione risponde sul bando per gli animali, l'Assessore Artusi "Deve essere fatto come obbligo di Legge"

Interviene l’Amministrazione comunale di Sanremo, in relazione alla decisione di una serie di cittadini che, martedì prossimo, saranno in Consiglio comunale per chiedere il ritiro del bando di gara per l'affidamento del servizio di affidamento degli animali sul territorio.

Lo fa, in particolare l'Assessore all'Ambiente Lucia Artusi: “Si tratta di chiarimenti sull’articolo pubblicato oggi da Sanremo News (QUI) e per sgombrare il campo da equivoci. Le procedure indicate dagli uffici comunali rispondono ad un obbligo di Legge, che molto chiaramente indica la gara pubblica come obbligo procedurale per l'affidamento di questo tipo di servizio. Per maggiore scrupolo e per escludere ogni dubbio, l'Amministrazione comunale ha voluto richiedere anche un ulteriore parere legale, sia all’avvocatura civica del Comune, che  al Dott. Vinai Presidente Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), che ha formalmente confermato la giustezza della procedura e l'obbligo di indire una procedura di gara, chiarendo che qualora i comuni non gestiscano direttamente il servizio, non possono affidarlo in forma diretta ma attraverso un bando di gara”.

L'Amministrazione comunale sottolinea che "Mai avrebbe fatto ricorso ad un bando di gara su questo servizio se non vi fosse stato un obbligo di legge. Questo perché – prosegue Lucia Artusi - oltre a sgravare gli uffici di tutte le incombenze procedurali connesse, un eventuale affidamento diretto avrebbe potuto confermare i gestori che in questi anni hanno operato in maniera ineccepibile verso gli animali, con piena soddisfazione dell'Amministrazione comunale attuale e di quella precedente. L'obbligo di legge, tuttavia, non lascia spazio a dubbi procedurali, e chiedere oggi il ritiro del bando e la procedura di affidamento diretto significa chiedere di infrangere la legge stessa”.

Chiariti gli aspetti procedurali, l'assessore Artusi entra anche nel merito del bando di gara: “In questi anni il benessere degli animali è sempre stato una priorità dell'Amministrazione comunale, concretizzatasi oltre che nella creazione e nell'implementazione di strutture e servizi prima inesistenti per i nostri amici a quattro zampe, anche e soprattutto nel sostanzioso impegno di spesa che ogni anno veniva fissato per il ricovero, la cura e il mantenimento degli animali nei canili pubblici. Nel dettaglio 50.880 a Enpa e 67.333,52 a Pluto's Residence sono le spese che il Comune di Sanremo ha sempre sostenuto ogni anno. Un impegno di spesa confermato nel nuovo bando di gara, per il quale è stata stanziata la cifra per 3 anni di 395.295 euro per custodia, mantenimento, ricovero e assistenza sanitaria di 120 cani e 25 gatti (lotto A) e 180.675 euro per custodia, mantenimento, ricovero e assistenza di 50 cani e 25 gatti (Lotto B). Spiace quindi dover leggere di ‘bando di gara al ribasso’ o ‘speculazione sugli animali’, frasi che poggiano probabilmente su informazioni sbagliate riportate”.

“Al contrario – termina l’Assessore Artusi - il bando, che è integralmente consultabile, per come strutturato punta chiaramente al mantenimento di alti standard qualitativi nel servizio offerto: gli importi erogati dal Comune sono sostanzialmente i medesimi, e con un affidamento triennale anziché annuale si consentirà ai gestori di fare degli investimenti finalizzati a migliorare le aree adibite alla cura degli animali, permettendo loro una migliore programmazione”.

Risulta falsa, invece, la voce trapelata nei giorni scorsi secondo la quale l'Amministrazione non sarebbe stata a conoscenza della pubblicazione del bando.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium