Leggi tutte le notizie di IL PUNTO DI CLAUDIO PORCHIA ›

Attualità | 21 ottobre 2019, 11:36

A Cosio d'Arroscia una giornata dimostrativa di tecniche di lavoro in bosco organizzata da Regione Liguria e ACAL

L’evento aveva il duplice scopo di diffondere buone pratiche forestali e sensibilizzare la cittadinanza sul ruolo fondamentale dell’operatore forestale nella gestione attiva del patrimonio boschivo

A Cosio d'Arroscia una giornata dimostrativa di tecniche di lavoro in bosco organizzata da Regione Liguria e ACAL

Regione Liguria, in collaborazione con ACAL, nell’ambito del progetto Europeo Alcotra denominato 'Informa Plus', ha organizzato una giornata dimostrativa di tecniche di lavoro in bosco, in cui sono state simulate attività legate all’utilizzazione forestale in un quadro di sicurezza e professionalità.

Questo cantiere forestale dimostrativo, ha approfondito il concetto dell’esbosco via cavo. In quattro diverse stazioni dimostrative sono stati affrontati argomenti specifici quali tecniche e strumenti per il tracciamento di una linea, mini teleferica tipo Savall, teleferica a stazione motrice mobile e tecniche di tree climbing utili per il sicuro posizionamento delle funi e dei tiranti. La gestione delle stazioni, da un punto di vista realizzativo e divulgativo, è stata affidata ad Istruttori Forestali qualificati, specializzati per le diverse tematiche affrontate, ma sono stati coinvolti anche operatori e imprese locali.

L’evento aveva il duplice scopo di diffondere buone pratiche forestali e sensibilizzare la cittadinanza sul ruolo fondamentale dell’operatore forestale nella gestione attiva del patrimonio boschivo. 

Il cantiere si è svolto con il patrocinio del Parco regionale delle Alpi Liguri nel Comune di Cosio di Arroscia, in un’area di prevalente proprietà comunale, affidata in gestione al Consorzio Forestale delle Alpi Liguri, a cui aderiscono diversi Comuni del circondario. Alla manifestazione hanno aderito oltre 120 partecipanti, tra cui imprese del settore forestale, studenti, organi di vigilanza e persone comunque interessate ad approfondire le tematiche del lavoro forestale.

Numerose le domande agli istruttori forestali coinvolti, che hanno risposto dettagliando ulteriormente le descrizioni delle stazioni e affrontando anche problematiche operative di organizzazione dei cantieri che le ditte boschive si trovano ad affrontare; in particolare i numerosi studenti presenti (Scuola Forestale di Ormea, Istituto Aicardi di San Remo e Istituto Marsano di Genova) hanno avuto modo di confrontarsi con una realtà operativa che potrà tornar loro utile ai fini lavorativi. Le imprese forestali, infine, hanno certamente ampliato le loro conoscenze, grazie al confronto con altri professionisti. 

Al termine delle dimostrazioni è stato offerto ai partecipanti un piccolo rinfresco con i prodotti tipici della “cucina bianca” locale, a testimonianza di una cultura e di una tradizione radicata proprio nella cura e nella gestione territoriale, che l’economia forestale può contribuire a rinnovare.

ACAL promuove attualmente la formazione agricola e forestale gratuita nell’ambito della sicurezza, del tree climbing e dell’abbattimento ed è disponibile ad organizzare altre tipologie di corsi a seconda dell’interesse promosso dagli eventuali partecipanti.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

giovedì 14 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium