/ Cronaca

Cronaca | 21 ottobre 2019, 18:01

Sanremo: rimosse le targhe in ricordo di Tiziano Chierotti, ora c'è solo un biglietto del padre "Per il povero vandalo, ricordati che è morto anche per te”

Il 7° anniversario della morte del caporale maggiore degli Alpini, Tiziano Chierotti è stato segnato da un atto vandalico ai danni delle targhe commemorative, presenti nell’aiuola a lui dedicata.

Sanremo: rimosse le targhe in ricordo di Tiziano Chierotti, ora c'è solo un biglietto del padre "Per il povero vandalo, ricordati che è morto anche per te”

A Sanremo, il 7° anniversario della morte del caporale maggiore degli Alpini, Tiziano Chierotti è stato segnato da un atto vandalico ai danni delle targhe commemorative, presenti nell’aiuola a lui dedicata, a Pian di Nave. Ha dell’incredibile quanto accaduto. Qualcuno ha rimosso le due targhe in ricordo del giovane militare di Arma di Taggia, ucciso in Afghanistan, il 25 ottobre 2012.

A lato della foto di quel ragazzo trovavano spazio due scritti: in uno le motivazioni per l'ottenimento della Croce d'Onore e nell'altro la preghiera dell'arcivescovo ordinario militare per l'Italia, Vincenzo Pelvi. In mezzo c'è lui, Tiziano, con l'espressione buona, serena e felice. A distanza di sette anni qualcuno ha pensato di danneggiare questo ricordo all'onore del 24enne di Arma di Taggia.

Oggi in quei due spazi vuoti, c'è solo un biglietto che esprime tanta amarezza. Lì ci sono le parole del padre di Tiziano, Piero Chierotti che ha scritto: “Per il povero vandalo, ricordati che Tiziano è morto anche per te”. Sono parole pesanti come pietre e che dovrebbero far riflettere tutti soprattutto gli autori del gesto.

Il Comune di Sanremo, attraverso l'assessore Mauro Menozzi ha fatto sapere di voler far luce sull'accaduto. Nell'area sono presenti anche numerose telecamere del sistema di videosorveglianza cittadino che potrebbero rilevare l'autore.

Ecco, siccome, non va dimenticato il sacrificio che è costato la vita a questo ragazzo, abbiamo deciso di chiudere questo articolo con le esatte parole che erano scritte sulle due targhe oggi scomparse.

Caporal Maggiore Tiziano Chierotti - Croce d’Onore

Volontario del secondo reggimento alpini, animato da straordinarie qualità morali e di carattere. Comandato in missione di pace in teatro afgano, si prodigava, con raro entusiasmo ed eccezionale professionalità, nel assolvimento dei propri compiti. Il 25 ottobre 2012, nel corso di un attacco condotto da elementi ostili con armi portatili e razzi, colpito all’addome periva per le ferite riportate, immolando la propria vita. Chiaro esempio di attaccamento al servizio, di nobili ideali e di altissimo spirito patriottico. Spinto fino all’estremo sacrificio.

Sanremo (Italia) 7 ottobre 1988 - Backwa (Afghanistan) 25 ottobre 2012.

Vieni, amico dei bambini...

Tu, soldato senza fucile,
armato solo d’amore,
vieni sulle mie strade
e rendile strade di pace e non di guerra...

Prendimi per mano
quando sono sofferente, smarrito,
dilaniato dall’odio e dal dolore
senza né casa né pane né sorriso...

Conducimi dove i campi biondeggiano di grano
e i fiori profumano di bontà.
Non ci lasciare soli, tienici stretti e a te.

Per noi hai lasciato tutto ma non sei solo
sei nel nostro cuore, in una terra che è diventata tua.
Figlio, fratello e amico,
continua a seminare speranza,
con il frutto della tua vita donata
che invita ad amarci solo dell’amore.

(Vincenzo Pelvi – arcivescovo).

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium