/ Politica

Politica | 19 ottobre 2019, 08:37

Vallecrosia: Paolino replica al sindaco Biasi “I progetti 'Tonet' e 'Fassi' sono frutto del nostro lavoro”

Il consigliere comunale di opposizione interviene rivendicando la paternità di alcuni interventi

Emidio Paolino

Emidio Paolino

Con una nota stampa il consigliere comunale di opposizione Emidio Paolino interviene per rivendicare la paternità di alcuni interventi portati avanti dal sindaco Armando Biasi.

Scrive Paolino: “Sono momenti strani quelli che sto vivendo in questi giorni, mi ricordo una campagna elettorale che ho perso nella quale molte delle accuse che sono state fatte all’Amministrazione di cui sono orgoglioso di aver fatto parte, piovevano, con aggettivi di poco gusto, dall’attuale Sindaco, che ha vinto, dispensando promesse e criticando aspramente 5 anni di intenso lavoro del Sindaco Giordano e la sua giunta lontano dalle foto postate sui social. Ma vorrei essere sintetico e preciso: i progetti “Tonet” e “Fassi” sono il frutto del nostro lavoro, risultato unico nella storia di Vallecrosia, che ha permesso il risanamento ambientale di un area vitale per la città e  l’arrivo di una notevole quantità di risorse in gran parte già sperperate da questa Amministrazione come nel peggior scenario che avevamo previsto. Sono orgoglioso che si concluda il nostro impegno, ma vorrei che fosse riconosciuto pubblicamente quello che gli atti certificano e che i cittadini comunque sanno o cominciano a comprendere, il bene di un paese di una comunità è legato alla visione del futuro e quella, lo dico con orgoglio, è la nostra e altro non fate che proseguirla pur criticandola e attribuendovene meriti che non avete. Leggo articoli che sfiorano la propaganda nei quali si magnifica l’azione di un Sindaco e una Amministrazione che nulla ha fatto se non mettere qualche firma a cose fatte, che dire allora di quelli che lo hanno realmente reso possibile con anni di lavoro? La convenzione con “Masala” che prevede più di 2 milioni in opere pubbliche e la cessione di 10.000 metri quadri al Comune è stata stilata e firmata da noi, è nostra la richiesta del finanziamento statale per la realizzazione di una nuova scuola. Momenti strani dicevo all’inizio, conteso tra la soddisfazione di vedere il nostro lavoro concludersi per il bene della mia città e la delusione, quella sensazione spiacevole che si prova quando si è stati derubati di qualcosa e da qualcuno che tanto criticava e ora si attribuisce il merito di un lavoro non suo”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium