/ Cronaca

Cronaca | 23 settembre 2019, 17:23

Controllo del territorio nel fine settimana in tutta la provincia: la Polizia rimpatria un pericoloso tunisino

Il 25enne, entrato in Italia all’età di 16 anni, era stato inizialmente inserito in una comunità per minori di Varazze, poi una volta uscito iniziava a frequentare un giro di soggetti già dediti alla commissione di reati.

Controllo del territorio nel fine settimana in tutta la provincia: la Polizia rimpatria un pericoloso tunisino

Nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio della provincia da parte della Polizia, nell’arco del fine settimana sono state identificate circa 300 persone e controllati oltre 80 veicoli.

Nel corso dell’attività personale della Polizia di Stato procedeva all’accompagnamento presso il CPR di Torino (in attesa dei documenti di identificazione) di un giovane tunisino, T.I., di 25 anni, detenuto presso il carcere di Imperia per i reati di tentato omicidio in concorso e di detenzione illecita di stupefacenti. I fatti risalgono al dicembre 2013 quando il soggetto, insieme ad altre due persone, tratteneva un altro straniero e con un coltello lo feriva con numerosi fendenti alla schiena ed al viso provocandogli uno pneumotorace e non riuscendo a cagionarne la morte solo per la strenua reazione opposta dalla vittima, che riusciva a scappare dagli aggressori e a rifugiarsi in un locale.

Il 25enne, entrato in Italia all’età di 16 anni, era stato inizialmente inserito in una comunità per minori di Varazze, poi una volta uscito iniziava a frequentare un giro di soggetti già dediti alla commissione di reati. In carcere non dimostrava né pentimento né consapevolezza per il fatto commesso, anzi lo minimizzava attribuendo la causa della sua condotta ad un’attenuazione di coscienza dovuta all’assunzione di alcolici combinata all’uso della cocaina. A fronte di ciò e del comportamento tenuto in costanza di detenzione (tra cui 4 rapporti disciplinari) il giudice riteneva attuale la pericolosità sociale del tunisino e per tale motivo applicava allo stesso la misura di sicurezza dell’espulsione del territorio.

Gli agenti della Questura hanno eseguito anche un accompagnamento con scorta di un marocchino, al quale il giudice ha applicato la misura dell’espulsione in sostituzione della pena detentiva. Aveva precedenti in materia di stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, rapina, furto aggravato.

Tra gli stranieri fermati dalle pattuglie della Squadra Volante al fine di verificare la regolarità sul territorio, due soggiornavano illegalmente e sono stati denunciato all’Autorità Giudiziaria. Il primo, tunisino di circa 60 anni, è stato visto sabato mattina presto in via Martiri della Libertà ad Imperia ed era senza qualsivoglia documento di identità e soggiorno. Inoltre, dai successivi controlli in banca dati sono emersi a suo carico due ordini a lasciare il territorio e un’espulsione.

Il secondo, algerino di 31 anni, è stato invece fermato nel pomeriggio di domenica in via Airenti ad Imperia. Anche questo era privo di documenti al seguito e dagli accertamenti effettuati risultava irregolare sul territorio. Dalle indagini più approfondite esperite negli uffici gli agenti hanno appreso che il giovane, fermato 3 volte per controlli di polizia tra Imperia e Ventimiglia, aveva declinato ogni volta dei nomi diversi e, dal momento dell’ingresso in Italia, non aveva richiesto un permesso di soggiorno, trattenendosi dunque sul territorio in modo illegale. I due sono stati denunciati per soggiorno irregolare sul territorio, il secondo anche per falsa attestazione a pubblico ufficiale. Entrambi sono stati poi messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della Questura per gli adempimenti di competenza.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium