/ Attualità

Attualità | 23 settembre 2019, 20:07

Sanremo: spostamento da corso Cavalotti per l'IIS Ruffini Aicardi, i docenti "Rimaniamo un istituto vivo, vitale e proiettato al futuro"

Il messaggio agli studenti

Sanremo: spostamento da corso Cavalotti per l'IIS Ruffini Aicardi, i docenti "Rimaniamo un istituto vivo, vitale e proiettato al futuro"

In occasione della riapertura della scuola, con l’inizio dell’anno scolastico, l’I.T.T. e l’I.S.S.  non avranno più la sede di corso Cavallotti a Sanremo a causa dei problemi strutturali che hanno portato alla chiusura dell’edificio.

Ciò ovviamente non significa che l’Istituto abbia cessato di esistere, ma che sarà provvisoriamente dislocato su più sedi: presso la scuola media di Taggia, fra i diversi plessi dell’Istituto E.Ruffini di Arma di Taggia (Lungomare, Caserme, Asilo) e presso l’Istituto Agrario D.Aicardi in Sanremo.

Questo almeno fino a quando non sarà ultimata la futura nuova sede presso il Mercato dei fiori di Valle Armea.

"Le difficoltà presenti in questa complessa operazione sono ben evidenti - spiegano docenti, preside e personale con una nota stampa, sia per gli alunni che per le famiglie e i docenti, ma il punto fondamentale che ci preme sottolineare è che, nonostante il trauma sofferto, il nostro Istituto è ben vivo e vitale e guarda unito al futuro soprattutto grazie ai docenti, agli studenti e ai collaboratori, continuando così a essere un punto di riferimento per il territorio. I due indirizzi istituzionali di studio continuano la loro corsa: i primi diplomati del Socio-Sanitario stanno per raggiungere il loro traguardo, i progetti in atto proseguono regolarmente grazie alla partecipazione vivace dei nostri ragazzi con l’accoglienza ai croceristi, il servizio di hosting durante eventi quali il Festival di Sanremo e il Rally.

Vorremmo dunque sottolineare proprio questo aspetto: i temporanei disagi saranno superati. L’identità e la missione educativa della scuola, pur se non racchiusa in un unico edificio, continueranno a prevalere.

Per questo sarà necessaria la collaborazione di tutti, con pazienza e passione, oltre al sostegno degli studenti e delle loro famiglie. Per poter continuare in questo progetto così importante per la nostra città e per l’intera provincia.

La nostra è una scuola accogliente, fortemente orientata all’integrazione delle differenze all’inclusione, impegnata nella valorizzazione delle eccellenze, aperta al dialogo e al nuovo. Tutti noi insegnanti sentiamo la responsabilità di mostrarci presenti e vorremmo essere tenuti nella dovuta considerazione per costruire insieme un valido percorso di formazione. Abbiamo bisogno infine che all’atto delle iscrizioni tutto questo venga ricordato, perché il futuro dei nostri studenti vecchi e nuovi possa continuare ad essere garantito senza ostacoli e in modo sereno".


 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium