/ Politica

Politica | 21 settembre 2019, 09:34

Ventimiglia: l'ex Capogruppo del Pd Patrizia Acquista Sciolè lascia il partito e segue Matteo Renzi

"Sono profondamente convinta che su questa stessa strada incontrerò gli amici lasciati per perseguire questi stessi obiettivi: è un bivio ma con la stessa direzione”.

Ventimiglia: l'ex Capogruppo del Pd Patrizia Acquista Sciolè lascia il partito e segue Matteo Renzi

“In piena coerenza e lealtà seguirò Renzi nel suo progetto politico riformatore”. Patrizia Acquista Sciole, ex Consigliere comunale di Ventimiglia, ha deciso di lasciare il Pd e seguire l’ex segretario nella sua nuova avventura politica.

“Nei miei cinque anni di consigliere e capogruppo – prosegue - ho toccato con mano le straordinarie ricadute sui cittadini delle azioni del governo Renzi (penso agli amici della Spes con la legge dopo di noi, alle unioni civili, alla legge sul caporalato, agli 80 euro e tanto altro che sappiamo bene), e tutto ciò ha permesso alla nostra amministrazione di sentirci sempre più vicini ai tanti problemi e difficoltà delle famiglie e singoli cittadini. Tutto ciò mi é bastato per fare questa scelta e per continuare a seguire questo percorso”.

Secondo Patrizia Acquista Sciolè “Bisogna recuperare quella lontananza sia fisica che mentale dei nostri elettori che, come Ulisse nel canto delle sirene, hanno creduto o credono di trovare spazi e modi di vivere in un illusorio benessere sociale, in forme di aggregazione che inneggiano al populismo e demagogia, disconoscendo e dimenticando che soltanto settanta anni fa questa stessa società, ha dovuto combattere una vera guerra proprio contro finti ideali che nascondono invece vere forme di ‘dittature’. Questa sfiducia nelle istituzioni mina e compromette il concreto funzionamento della democrazia. Dobbiamo quindi creare canali di ascolto più visibili e vicini alle persone, chiedendo e offrendo partecipazione attiva, essere noi stessi ‘luoghi’ di solidarietà e vicinanza, di ascolto nelle difficoltà quotidiane”.

“Credo nel lavoro per tutti – termina - come base di ogni società democratica e sostenibile, credo quindi come detto: ‘il valore del lavoro e il lavoro come valore’, un diritto fondamentale e il vero successo di ogni democrazia contemporanea. Sono profondamente convinta che su questa stessa strada incontrerò gli amici lasciati  per perseguire questi  stessi obiettivi: è un bivio ma con la stessa direzione”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium