/ Attualità

Attualità | 19 settembre 2019, 18:14

Imperia: Piscina Cascione, i genitori della parte sportiva incontrano il Comune. In vista altri lavori?

A poche settimane dalla prevista riapertura al pubblico (mai smentita la data di metà ottobre), è giunta voce, - ed è questo il motivo della richiesta di incontro avanzata dai genitori – di un possibile slittamento

Imperia: Piscina Cascione, i genitori della parte sportiva incontrano il Comune. In vista altri lavori?

I genitori dei ragazzi iscritti alle squadre sportive della Rari Nantes Imperia hanno chiesto un incontro al Comune per essere informati sui tempi di riapertura dell’impianto, chiuso da mesi per i lavori di efficientamento energetico che riguardano la copertura del tetto. Un intervento atteso dalla stessa Rari Nantes, la società che gestisce la piscina e le sue attività all’interno.

A poche settimane dalla prevista riapertura al pubblico (mai smentita la data di metà ottobre), è giunta però voce, - ed è questo il motivo della richiesta di incontro avanzata dai genitori – di un possibile slittamento. Il motivo è la volontà di intervenire anche nella vasca grande, ristrutturandola, grazie a ulteriori fondi scovati nelle casse comunali. La Rari è il gestore dell’impianto ed il suo compito è ovviamente fare attività quando aperto. La società sin dal 2 settembre è impegnata a garantire le migliori soluzioni possibili almeno per le attività sportive usando impianti del comprensorio, come San Bartolomeo al Mare. Con l’arrivo dell’autunno, la società si è attrezzata per garantire un servizio navetta gratuito affiancato ai trasporti organizzati dai genitori per gli impianti che potranno essere usati nelle ore che i gestori di altre piscine hanno concesso a pagamento alla società imperiese. Un investimento importante per garantire lo svolgimento delle attività sportive possibili.

I genitori, nella riunione di inizio anno hanno richiesto un incontro con il Comune, capendo che il gestore è parte passiva rispetto al proprietario per poter avere certezze sulle date ed organizzare la vita agonistica dei ragazzi che frequentando la scuola (under 13,15,17 e 20) che hanno anche esigenze di studio oltre che di sport ed andare a fare allenamento a Arma di Taggia, Sanremo, Albenga, Bordighera, è ben diverso che farlo a Imperia.

Anche tutta la città è ovviamente interessata: ad oggi chi vuole nuotare deve andare altrove e i ragazzi che vogliono imparare a nuotare con le scuole nuoto non sanno quando cominceranno (lo scorso anno erano oltre 350 iscritti riferisce la società) come pure coloro che facevano fitness, pilates ed attività correlate.

Se il Comune avesse trovato i fondi per rifare la vasca grande la città si gioverebbe a fine lavori di un impianto rimesso a nuovo, con grande prospettive future. Alcuni genitori che abbiamo sentito hanno fatto notare come però la vasca piccola della piscina potrebbe essere messa in funzione, così da soddisfare almeno le esigenze del grande pubblico, ragazzi giovani e corsi nuoto. La città in attesa di avere la piscina rinnovata e bellissima, potrebbe continuare sebbene con difficoltà a frequentare l’impianto.

Ho ricevuto la richiesta di incontro l’altra sera. – spiega l’Assessore allo Sport Simone Vassallo, contattato da Imperia News – Il Comune sarà ben felice di ricevere unna delegazione di genitori. Per quanto riguarda la richiesta di apertura almeno della vasca piccola, è una questione che riguarda i lavori pubblici e bisogna attendere la relazione tecnica prima di dire sì o no”.

Lo stesso Comune, in una nota del Sindaco Claudio Scajola dello scorso 2 luglio, aveva annunciato la riapertura dell’impianto, prima del termine definitivo dei lavori: “La struttura – si leggeva - potrà riaprire prima della fine dei lavori, in quanto l'ultima fase degli interventi non andrà a incidere con la regolare attività dell'impianto”.  

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium