/ Politica

Politica | 17 settembre 2019, 12:49

Regione: il consiglio approva la mozione per la formazione del censimento degli immobili con amianto in Liguria

La mozione è stata presentata dai consiglieri M5S Fabio Tosi, Andrea Melis, Alice Salvatore e Marco De Ferrari, e votata dall’aula, con gli emendamenti proposti dalla vice presidente e Assessore alla Sanità Sonia Viale

Regione: il consiglio approva la mozione per la formazione del censimento degli immobili con amianto in Liguria

Il Consiglio regionale vota la mozione del Movimento 5 Stelle sulla formazione del censimento degli immobili in Liguria con amianto, in modo da poter gestire e monitorare la situazione in regione che, secondo i dati è terza come numero di amianto negli immobili in Italia.

La mozione è stata presentata dai consiglieri M5S Fabio Tosi, Andrea Melis, Alice Salvatore e Marco De Ferrari, e votata dall’aula, con gli emendamenti proposti dalla vice presidente e Assessore alla Sanità Sonia Viale, che ha chiesto di modificare la mozione, inserendo non la costituzione di una commissione, ma una integrazione al lavoro già avviato.

Sul tema è intervenuto anche il consigliere del gruppo misto, ex Lega, Giovanni De Paoli, che ha raccontato in aula di un problema di presenza amianto in un tetto di sua proprietà. “E’ successo circa vent’anni fa – ha detto – e mi hanno consigliato di ricoprirlo con una vernice. Penso che un censimento ci sia già, si tratta piuttosto di raccogliere i dati, ma da quello che so l’amianto non è pericoloso, se non viene trattato. Credo che bisognerebbe chiarire il punto, piuttosto che generalizzare”.

Non sono mancati gli scambi d’accuse per il lavoro fatto in tema di amianto negli ultimi anni, tra maggioranza e opposizione, dopo l’annuncio del capogruppo Pd Giovanni Lunardon che, insieme al suo gruppo non avrebbe votato gli emendamenti, votati comunque dal gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle.

In una nota, il consigliere Fabio Tosi, primo firmatario della mozione, e i suoi colleghi del MoVimento 5 Stelle, hanno commentato quanto accaduto in aula questa mattina:

"Lo scenario regionale ci impone di intervenire per mettere mano alle criticità connesse con l'amianto, killer silenzioso che continua a mietere vittime a 30 anni dalla sua messa al bando: perdere tempo con le diatribe politiche e le accuse non risolve le criticità e non dà risposte ai cittadini. Solo dotandoci di strumenti efficaci possiamo pensare di mettervi davvero mano e tutelare così la salute dei cittadini".  

"Correggere l'immobilismo non solo degli anni passati ma anche recenti significa, come segnalato dal collega Tosi, approntare un censimento completo ex novo; dare corso a una corretta informatizzazione; implementare l'organico tecnico all’interno della S.C. Igiene e Sanità delle ASL liguri; e infine, ma non meno importante, istituire la Commissione Regionale Amianto presso l’Assessorato alla Salute. Queste sono le azioni necessarie e vitali per risolvere le criticità legate all'amianto. Che, purtroppo, insisto drammaticamente nelle nostre città, essendo questo materiale ancora presente in moltissimi edifici, molti dei quali pubblici come le scuole frequentate dai nostri figli", hanno affermato i colleghi di gruppo prendendo la parola in Aula. 

"Abbiamo accettato gli emendamenti proposti dalla Giunta perché crediamo che questo tema sia vitale e debba essere affrontato con serietà. Non si possano prendere in giro i cittadini, che da noi si aspettano azioni concrete. Da questo momento vigileremo affinché Regione Liguria appronti tutte le azioni necessarie per risolvere le criticità", ha concluso il consigliere Tosi a fine votazione. 

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium