/ Cronaca

Cronaca | 16 settembre 2019, 17:08

Sanremo: sorpasso pericoloso questa mattina di un 'pirata' della strada sull'Aurelia Bis, la protesta degli automobilisti disciplinati

Si trattava di un’auto grigia che, a velocità sostenuta, ha affrontato il sorpasso, superando tre o quattro auto. “Solo la prontezza degli automobilisti alla guida – hanno evidenziato gli altri automobilisti presenti - che si sono prontamente spostati chi a sinistra e chi a destra verso le pareti della galleria per lasciare spazio al ‘pirata della strada’, ha evitato il peggio”.

Sanremo: sorpasso pericoloso questa mattina di un 'pirata' della strada sull'Aurelia Bis, la protesta degli automobilisti disciplinati

Pirata della strada, questa mattina sull’Aurelia Bis, all’interno della galleria tra regione San Lazzaro (via Pascoli) e San Martino, un tratto purtroppo tristemente noto per una serie di incidenti, alcuni anche tragici. Intorno alle 11, come confermato da una serie di automobilisti che stavano attraversando l’importante arteria di collegamento in entrambi i sensi, hanno avuto a che fare con un automobilista che, viaggiando verso Arma nel tratto a doppio senso (e con doppia striscia continua di divieto di sorpasso), ha deciso di superare una serie di auto, creando un grave pericolo.

Si trattava di un’auto grigia che, a velocità sostenuta, ha affrontato il sorpasso, superando tre o quattro auto. “Solo la prontezza degli automobilisti alla guida – hanno evidenziato gli altri automobilisti presenti - che si sono prontamente spostati chi a sinistra e chi a destra verso le pareti della galleria per lasciare spazio al ‘pirata della strada’, ha evitato il peggio”.

Si tratta purtroppo di un caso non isolato, visto che gli automobilisti e motociclisti che rispettano i limiti di velocità sulla ‘Bis’ sono una minoranza. La ‘tangenziale’ tra Sanremo ed Arma, fondamentale per la nostra viabilità, è considerata purtroppo come un circuito, sul il codice della strada viola a proprio piacimento e a discapito degli altri. Gli automobilisti corretti si chiedono: “Quanto si deve ancora attendere per un provvedimento a tutela della sicurezza stradale?”

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium