/ Cronaca

Cronaca | 14 settembre 2019, 19:56

Arma di Taggia: aggressione sulla pista ciclabile, turista racconta la sua tragica disavventura e avvisa altri frequentatori

Il lettore ha subito una brutta imboscata da parte di un uomo sbucato all'improvviso da dietro ad una palma brandendo una bottiglia

Arma di Taggia: aggressione sulla pista ciclabile, turista racconta la sua tragica disavventura e avvisa altri frequentatori

 

Il lettore Danilo Girardi ci racconta una disavventura avvenuta sulla pista ciclabile tra Arma di Taggia e Riva Ligure. 

“Questa mia credo possa essere utile a tutti i numerosi frequentatori della pista ciclabile. Ieri, venerdì, erano circa le 18.30 quando tornavo verso Pompeiana, nostra casa delle vacanze, da una bella gita in bici fino a Ospedaletti. Ad Arma di Taggia, dopo aver superato gli svincoli intorno alla vecchia stazione ho imboccato, insieme a mia moglie, il lungo rettilineo che porta a Riva, esattamente all'altezza del grande percheggio camper".

"Improvvisamente da dietro a una palma sbuca di corsa un ragazzo dall'apparente età di 25/26 anni e costui brandendo una bottiglia si avventa contro di me facendomi rovinosamente cadere, non contento tentava, io ero a terra, di colpirmi con la bottiglia, ma io a quel punto gli ho rifilatilo un calcione non so manco dove e questo schifoso si é dato alla fuga. Mia moglie, pochi metri davanti a me, spaventata dal botto della mia caduta e dalle grida si é subito fermata ma ha perso l'equilibrio ed è caduta anche lei". 

"Per farla breve immediato l'intervento di alcuni camperisti, carabinieri e ambulanza perché entrambi stavamo malissimo, io per la botta tremenda al costato e mia moglie per il polso molto dolorante. Risultato alle due della notte al pronto soccorso: io due costole fratturate, mia moglie polso fratturato con necessità di operazione chirurgica".

"Tralascio i dettagli che sono innumerevoli, ma questa mia vuole semplicemente mettere in guardia tutti i cicloamatori che frequentano questa bellissima pista che mi dicono essere un ritrovo di delinquenti specialmente di sera, ma evidentemente anche di giorno quando é chiaro che la scopo di questo lurido individuo era quello di rubarmi la bicicletta, elettrica e praticamente nuova. Ora torniamo tristemente verso Asti, con la bella prospettiva dell'operazione a mia moglie e le mie simpatiche costole rotte che mi fanno urlare dal dolore a ogni movimento o sospiro".

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium