/ Politica

Politica | 11 settembre 2019, 11:13

Cooperazione transfrontaliera: nasce un tavolo permanente tra Liguria, Piemonte e Valle d'Aosta, Benveduti "Politiche condivise per essere più forti ai tavoli europei"

Gli amministratori hanno concordato la creazione di un tavolo permanente di confronto, che consenta alle tre Regioni di presentarsi ai negoziati con i partner d’Oltralpe con una voce unica

Cooperazione transfrontaliera: nasce un tavolo permanente tra Liguria, Piemonte  e Valle d'Aosta, Benveduti "Politiche condivise per essere più forti ai tavoli europei"

In vista della predisposizione del programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia ALCOTRA 2021-2027, si sono incontrati ieri, 10 settembre, a Torino l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Liguria Andrea Benveduti, l’assessore allo sviluppo della Montagna della Regione Piemonte Fabio Carosso e quello agli Affari europei della Regione Valle d’Aosta Luigi Giovanni Bertschy.

Gli amministratori hanno concordato la creazione di un tavolo permanente di confronto, che consenta alle tre Regioni di presentarsi ai negoziati con i partner d’Oltralpe con una voce unica e quindi più forte. Comune anche l’intento di presentare in futuro progetti di ampio respiro, che consentano un reale sviluppo della montagna, al posto di un rivolo di bandi che per la loro modesta entità non sono spesso in grado di incidere significativamente sull’assetto del territorio.

Una concertazione che ha l’intento di sviluppare sinergie tra le regioni italiane partner dei progetti di cooperazione. Partendo dall’ascolto dei territori - dichiara Benveduti - metteremo a sistema tutte le risorse stanziate dai programmi europei per la nuova programmazione 2021-2027, purtroppo sempre più esigue, per creare sviluppo e significative opportunità nelle regioni del programma Alcotra”.

Tra gli obiettivi comuni di cooperazione è presente il contrasto allo spopolamento delle aree interne, attraverso politiche di sviluppo delle vallate e investimenti su progetti che sviluppino servizi e infrastrutture per rilanciare l’entroterra e attrarre giovani” aggiunge l’assessore.

 

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium