/ Eventi

Eventi | 10 settembre 2019, 13:00

“Voxonus Duo e percussioni” protagonisti a Balma Boves domenica 15 settembre

Influenze barocche e folcloristiche conquisteranno la caratteristica Borgata Museo in un pomeriggio di grande musica firmata “Voxonus Festival” 

“Voxonus Duo e percussioni” protagonisti a Balma Boves domenica 15 settembre

La musica barocca si incontrerà con il fascino del folclore nel concerto Voxonus Duo e Percussioni, in programma domenica 15 settembre alle 16.30 nella suggestiva e caratteristica Borgata Museo di Balma Boves a Sanfront. Un concerto marcatamente etnico, che unirà al paesaggio e alla storia locali la cifra stilistica barocca che ha incantato Liguria e Piemonte con una programmazione varia e completa. 

Protagonisti della serata Maurizio Cadossi, violino; Claudio Gilio, viola e Flavio Spotti, percussioni. Una potente commistione di sfumature musicali con la delicatezza dello stile barocco, che conquisterà il pubblico con i brani dei grandi compositori Johann Sebastian Bach, Tarquinio Merula, Andrea Falconieri, Solomon Eccles, Henry Eccles Junior e autori vari. Il programma prevede una serie di trascrizioni di danze, temi di battaglia e la celebre ‘Follia’. Il suono ancestrale delle percussioni regalerà all’esecuzione un fascino magnetico, un ritmo inatteso e coinvolgente, un arricchimento timbrico suggestivo. ‘Voxonus Duo e Percussioni’ si propone come una soluzione nuova nel solco della ricerca filologica e della fantasia, così ricca e ‘moderna’ come quella presente nella letteratura e nella prassi esecutiva antica.

Il Voxonus Duo, violino e viola, raro esempio di proposta del repertorio barocco e classico con strumenti originali ed esecuzione con prassi storicamente informata, si arricchirà della presenza di Flavio Spotti, percussionista esperto di strumenti antichi ed etnici, studioso – tra le altre cose – di Tabla indiane con il Maestro Arup Kanti Das di Calcutta e di percussioni storiche con il Maestro spagnolo Pedro Estevan.

Il concerto si svolgerà per la prima volta nella storia del Festival a Balma Boves, caratteristico borgo costruito sotto un’imponente sporgenza rocciosa, il cui peculiare aspetto, con le sue case in pietra dai tetti piatti, ricorda quello dei pueblo indiani del Nord America. Ristrutturato e trasformato in ecomuseo, il sito ci svela il segreto degli antichi abitanti di questo villaggio: lo stretto contatto con la natura, l’autosufficienza, la cura ed il saggio sfruttamento delle risorse naturali come l’acqua, la pietra, i frutti della terra. Ancora oggi infatti, gli attrezzi, le abitazioni, le stalle, i fienili, gli essiccatoi per le castagne, le fontane e l’antico forno, ci raccontano di un tempo in cui tali luoghi furono testimoni della “civiltà del castagno”. Il sito è attualmente curato e gestito dall’associazione Vesulus.

Brand di spicco dell’Orchestra Sinfonica di Savona, il Voxonus Festival nasce dall’idea di Claudio Gilio – e dello specialista Filippo M. Bressan – all’interno del prestigioso progetto “Academia di musici e cantori”, unica realtà stabile, sinfonica, operistica e corale in Italia, improntata su musiche e strumenti del Sette-Ottocento. Sebbene la cifra stilistica sia l’espressione artistico-culturale di età barocca, il repertorio si apre a contaminazioni crossover, che fanno del Festival un’esperienza unica nel suo genere.

Ingresso concerto €10, gratuito fino a 10 anni e Associati Orchestra Sinfonica di Savona, biglietteria sul posto. Prima del concerto sarà possibile accedere alla borgata con una visita guidata al costo di €4.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.orchestrasavona.itinfo@orchestrasavona.it, tel. 019.824663, cell. 340.6172142

Per indicazioni stradali visitare il sito di Balma Boves

Informazione pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium