/ Economia

Economia | 24 agosto 2019, 08:00

Bilancia pesapersona: una nemica-amica della dieta

La dieta è, almeno in teoria, un regime alimentare utile a raggiungere il peso forma ideale. Purtroppo però essa è intesa come un modo restrittivo di vivere l’alimentazione e non come un dono che concediamo al nostro corpo per stare meglio

Bilancia pesapersona: una nemica-amica della dieta

La dieta è, almeno in teoria, un regime alimentare utile a raggiungere il peso forma ideale. Purtroppo però essa è intesa come un modo restrittivo di vivere l’alimentazione e non come un dono che concediamo al nostro corpo per stare meglio. Il mercato, inoltre, tende a far passare in primo piano il risultato estetico rispetto a quello salutare. Questo significa che le persone vogliono dimagrire per essere più accettate e non per migliorare la propria salute.

Come le bilance aiutano a seguire una dieta?

In verità un corpo snello ed in forma necessita di un equilibrio tra ciò che mangiamo e ciò che pensiamo, senza il quale ogni dieta rischia di diventare pericolosa e tutt’altro che benefica. Ci riferiamo a quelle situazioni in cui le persone sono ossessionate dal peso e non riescono a vedere tutto ciò che gravita intorno ad esso come acqua, struttura ossea, metabolismo, presenza di grasso viscerale ecc… Queste informazioni oggi sono diventate accessibili a tutti con il boom delle bilance smart come ci spiega il sito di riferimento in Italia per le Bilance pesapersona. Esse sono in grado di misurare la nostra situazione fisica rispetto a tante variabili che, unite al valore del peso possono diventare il modo più semplice per arrivare al peso forma senza eccessivi sacrifici o problemi.

Che differenza c’è tra le bilance in commercio?

Una bilancia smart, infatti, somiglia ai modelli impedenziometrici che trovi negli studi professionali di dietisti, nutrizionisti e nelle palestre più innovative. Essa è in grado di fotografare il nostro corpo tramite una serie di elettrodi che rilevano grasso, massa magra, acqua, ossa e tutto quello che c’è da sapere per realizzare un piano di dimagrimento su misura. Alcune bilance mandano i risultati su un app collegata che periodicamente ci aiuta a sostenere il nostro impegno e a non mollare mai, anche quando siamo tentati ad ingurgitare tutto quello che troviamo nel frigo. Occhio però, perché alcune bilance smart non possiedono elettrodi e perciò mostrano risultati statistici calcolati tramite formule matematiche. Questo significa che a partire dal peso alcune bilance stimano i valori di metabolismo, ossa e acqua in maniera statistica, motivo per cui non sono sempre attendibili.

L’importanza di mirare alla salute

Forse non lo sapevi ma la fame nervosa e la tendenza a “evadere” le regole che la dieta ci impone sono tutti segnali di uno squilibrio fisico e mentale che ha poco a che vedere con il numero che indica il nostro peso. Se tendiamo a farci coccolare dal cibo spazzatura non abbiamo bisogno di una dieta ma di parlare con uno psicologo che ci aiuti a chiarire perché reagiamo alla durezza della vita affogando i dolori nel cibo saporito. Per questo conoscere il nostro peso non è di aiuto ma diventa un motivo ulteriore di frustrazione.

La bilancia è tua amica se…

La bilancia è tua amica quando riesci a comprendere l’importanza di mangiare bene e di muoverti con costanza. Essa dovrà essere usata periodicamente per valutare i nostri miglioramenti e seguendo precise regole di misurazione necessarie ad ottenere risultati precisi. Se riusciamo a liberarci della questione estetica capiremmo che il peso è solamente un numero che, preso da solo, non ci sta dicendo niente di utile sul nostro conto. Al contrario se abbiamo stabilito un peso forma da raggiungere e abbiamo compreso come sia composto il nostro corpo, la bilancia ci aiuterà a trovare la motivazione monitorando, passo dopo passo, i risultati raggiunti.

Quanto è realmente utile conoscere il proprio peso?

Per questo è inutile limitarsi al peso per stabilire se siamo belli o brutti. Il peso corporeo è un valore che deve tenerci in campana tanto quanto il livello del nostro metabolismo basale, dei liquidi corporei o della distribuzione tra massa magra e massa grassa.

Per far sì che un percorso di dimagrimento sia efficace dovrai ragionare su tutte queste variabili e, quando possibile, chiarire al tuo nutrizionista quali sono i meccanismi che ti impediscono di mangiare in maniera salutare. Guardati dentro e non aver paura di dire ad alta voce chi sei e, soprattutto, non credere che un numero a due o tre cifre stabilisca la vera natura del tuo modo di essere. Se hai deciso di dimagrire è perché desideri stare meglio, non per piacere a chi ti sta intorno.



ip

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium