/ Attualità

Attualità | 20 agosto 2019, 07:31

Oltre 1000 persone per Strigora 2019 a Triora: bilancio positivo ma con un po' di autocritica in vista della 20ª edizione (foto)

Il principale evento dell'estate di Triora. Tempo di bilanci per gli organizzatori.

Oltre 1000 persone per Strigora 2019 a Triora: bilancio positivo ma con un po' di autocritica in vista della 20ª edizione (foto)

Strigora 2019 ha colto nel segno con numeri importanti in termini di presenze. Ne sono convinti gli organizzatori, la ProTriora ed il Comune che salutano positivamente questa edizione dell'evento che dal 2001 caratterizza l'estate triorasca.

Il paese delle streghe ieri è stato letteralmente preso d'assalto con persone arrivate da ogni dove, sia dall'Italia ma anche dall'estero. Non a caso si è registrato qualche rallentamento nella gestione del traffico in ingresso e dei parcheggi. Una criticità tenuta sempre sotto controllo grazie ai Carabinieri ed alla Polizia Provinciale. Il principale afflusso si è registrato dal pomeriggio, in concomitanza soprattutto con i tour guidati in paese insieme a Raffaella Asdente, o alla scoperta della Chiesa di San Bernardino con Francesca Nobbio.

Il numero massimo di presenze è arrivato alla sera con lo spettacolo itinerante 'Il Cammino delle Streghe' a cura del Teatro Banchéro, i primi turni hanno toccato anche quota 100 partecipanti. Grande apprezzamento hanno riscosso anche la mostra fotografica  “Gli anni del Neorealismo - Tendenze della fotografia italiana” messa a disposizione della FIAF e soprattutto l'intrattenimento per i bambini nella piazza Reggio la Fem spettacoli.

A 24 ore dall'evento c'è soddisfazione da parte degli organizzatori. In particolare Giovanni Nicosia, assessore al turismo del comune di Triora ha analizzato così l'andamento dell'evento: “E' andato tutto benissimo. Strigora ha una formula consolidata che ogni anno porta ad un grande afflusso. Un grazie più che doveroso lo voglio rivolgere a nome dell'amministrazione in particolare a Roberto Faraldi, Silvano e Sandro Oddo, in rappresentanza della Pro Triora, organizzatori dell’evento, così come a tutti gli artisti, i volontari e operai che si adoperano per la buona riuscita di questo appuntamento. Per il comune questa manifestazione è importantissima perchè garantisce un ritorno d'immagine che fa bene a tutto il paese, per la qualità della proposta e dell’organizzazione generale e ovviamente anche un apprezzato ritorno commerciale per le attività.. Strigora è l’evento più rappresentativo per Triora e anticipo che la ProTriora è già al lavoro con grandi idee per la prossima edizione che festeggerà il ventesimo anno consecutivo di Strigora".

Un bilancio positivo ma c'è spazio anche per l'autocritica. E' l'associazione del Teatro del Banchéro di Taggia a valutare alcune criticità riscontrate ieri sera all'apice della festa quando a cadenza di 20 minuti ciascuno, hanno preso il via gli 8 tour nel paese per seguire lo spettacolo itinerante che porta la firma di Giorgia Brusco. Dietro 'Il Cammino delle Streghe' c'è un lungo lavoro di preparazione che ieri si è concretizzato con i 20 attori chiamati in scena ed una prova che ha strappato applausi. Lo spettacolo di quest'anno è stato diverso rispetto alle precedenti edizioni con una storia raccontata itinerante e non più con singole scene scollegate ma unite dalla stessa tematica: le streghe.

“Come associazione siamo molto soddisfatti per il lavoro fatto. Abbiamo avuto grandi soddisfazione a livello artistico. - conferma Maura Amalberti, vicepresidente dell'associazione Teatro Banchéro – Sognavamo di poter fare gruppi da 50 persone ma così non è stato e forse la formula del teatro itinerante guidato si è rivelata un po' azzardata. Ieri sera oltre 1000 persone hanno preso parte ai diversi turni dello spettacolo. Tutti comunque hanno avuto modo di vedere la rappresentazione e siamo andati avanti ad oltranza. Anche la ProTriora ci ha confermato di aver ricevuto un feedback generale positivo e questo è molto importante. Diciamo che per la prossima edizione abbiamo già un'idea per porre rimedio a questo problema. Ci piacerebbe riuscire a sfruttare di più gli spazi aperti di Triora in modo da poter ospitare più spettatori ed offrire scene anche più strutturate. Siamo stanchi ma felici”.  

Per la gallery fotografica si ringrazia il nostro collaboratore Christian Flammia.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium