/ Attualità

Attualità | 19 agosto 2019, 13:29

Ferragosto come salvagente per la stagione, Pilati “Alberghi pieni dal 10 agosto in avanti, ma ci sono da recuperare i vuoti di luglio”

Il punto del presidente della sezione provinciale di Federalberghi

Ferragosto come salvagente per la stagione, Pilati “Alberghi pieni dal 10 agosto in avanti, ma ci sono da recuperare i vuoti di luglio”

Weekend lungo di ferragosto positivo per il turismo nella provincia di Imperia.

Trend che gli albergatori sperano possa durare fino a fine mese e anche per settembre, meteo permettendo, in modo da recuperare un luglio flop con "...tante camere vuote", come spiegato dal presidente della sezione provinciale di Federalberghi Americo Pilati.

stato molto soddisfacente il periodo dal 10 di agosto in avanti con molte prenotazioni per la settimana di ferragosto e anche per quella appena iniziata – spiega Pilati. Agosto è iniziato un pochino in ritardo, possiamo dire così, con i primi dieci giorni sottotono ma abbiamo poi fatto il pieno e continuiamo mi auguro anche per tutta questa settimana.

Purtroppo però non possiamo esultare perché se non riuscissimo a riempire nemmeno in questi giorni di ferragosto potremmo 'buttare via la chiave' come si suol dire. È normale che in questo periodo sia così, a luglio invece abbiamo sempre avuto camere libere escluso nei weekend".

Sull'auspicio per fine stagione: "Ora puntiamo a finire bene agosto e ad avere clienti nei primi dieci, venti giorni di settembre per poter così recuperare quanto perso a luglio, giugno e anche all'inizio del mese corrente. Queste due settimane si può dire che in qualche modo ci stiano salvando la stagione. Settembre dovrà aggiustare giugno che negli ultimi anni è sempre stato difficile, credo comunque che non supereremo le presenze dell'anno scorso ma al di là di quello riscontriamo una mancanza di cassa. Soprattutto gli italiani sugli extra sono molto parchi, mentre ad esempio gli svizzeri sugli extra non lesinano.

In generale ritengo che non sia significativo fare gran cassa sul numero di presenze perché non è un modo di capire realmente come è andata una stagione. C'è chi non spende nulla e chi spende molto, non vanno valutate solo le presenze perché ciò significa non fare un reale esame per stabilire se andiamo bene o male, si crea del falso entusiasmo. Serve approfondire la problematica partendo dagli stessi albergatori e negozianti e da quanto realmente incassano".

Lorenzo Bonsignorio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium