/ Cronaca

Cronaca | 16 agosto 2019, 07:31

Ventimiglia: dipendente ricorre contro la prima Amministrazione Scullino, anche la Cassazione gli dà torto

“Il procedimento era regolare – ha commentato il Sindaco Scullino - e non ho mai avuto dubbi. Essere accusati di mobbing è stato un basso espediente che non è servito. Infatti in tutti i tre gradi di giudizio abbiamo avuto ragione”.

Ventimiglia: dipendente ricorre contro la prima Amministrazione Scullino, anche la Cassazione gli dà torto

Il dipendente comunale di Ventimiglia che aveva ricorso contro un provvedimento disciplinare emesso dalla prima Amministrazione Scullino (difeso dall’avvocato Vigneri) ha nuovamente perso anche in Cassazione.

Nel 2010 al dipendente era stato inviato un provvedimento disciplinare e lui, opponendosi, ha portato il Comune di Ventimiglia in tribunale, sostenendo che si trattasse di mobbing. Il provvedimento disciplinare era stato seguito dall’allora Direttore generale Marco Prestileo. Il sindaco Scullino, reagendo all’accusa vinse in primo grado a Imperia e poi in corte d’Appello a Genova.

Ma il dipendente, non contento, è ricorso in Cassazione e la Corte lo ha ritenuto inammissibile, condannandolo anche al pagamento di tutte le spese legali e processuali. Adesso il dipendente dovrà rimborsare al Comune quasi 10.000 euro. “Il procedimento era regolare – ha commentato il Sindaco Scullino - e non ho mai avuto dubbi. Essere accusati di mobbing è stato un basso espediente che non è servito. Infatti in tutti i tre gradi di giudizio abbiamo avuto ragione”.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium