/ Attualità

Attualità | 14 agosto 2019, 10:41

Ventimiglia: parcheggio selvaggio in via Tommaso Reggio, la Prefettura risponde all’esposto di Ernesto Basso che controbatte nuovamente

"A volte la vita è questione di secondi e qualcuno dovrà pur prendersi la responsabilità in caso di emergenza sanitaria, incendio, ed eventuali controversie o semplicemente danni materiali alle autovetture dovuti alla difficile circolazione."

Ventimiglia: parcheggio selvaggio in via Tommaso Reggio, la Prefettura risponde all’esposto di Ernesto Basso che controbatte nuovamente

“Non è mia abitudine ribattere, ma non posso accogliere la Vostra risposta, non è accettabile quanto comunicato dal Comune di Ventimiglia: “l’area indicata è interessata da alcuni mesi da lavori connessi al costruendo porto e la messa in sicurezza della Galleria del Poggio.” Inizia così la risposta di Ernesto Basso alla Prefettura relativamente all’esposto presentato lo scorso 14 luglio inviato al Sindaco di Ventimiglia ed al Prefetto di Imperia, per una situazione di pericolo per l’incolumità pubblica in via Monsignor Tommaso Reggio, a Ventimiglia. Nel primo esposto dopo una aggressione verbale ed una serie di insulti ricevuti, Basso mette in guardia l’Amministrazione comunale sulla situazione che si crea regolarmente nella via, a causa del parcheggio selvaggio.

“Voglio ricordare a questa Prefettura che il sottoscritto aveva già esposto il problema sei anni fa e che la Galleria del Poggio non c’entra assolutamente niente con la sosta selvaggia nella via indicata.

La strada, oltre che una vasta zona/frazione, anche ad una casa di riposo convenzionata ASL e, dunque considerata un ospedale a tutti gli effetti per il quale sono stati registrati più di 100 accessi con ambulanze nel 2018 (dati ASL1 Liguria) 

A volte la vita è questione di secondi e qualcuno dovrà pur prendersi la responsabilità in caso di emergenza sanitaria, incendio, ed eventuali controversie o semplicemente danni materiali alle autovetture dovuti alla difficile circolazione. 

L’elevazione della multa non risolve il vero problema consistente nella sicurezza della viabilità in quanto la strada resta ugualmente difficile da percorrere. È necessario procedere alla rimozione dei veicoli come previsto dal cartello stradale collocato all’inizio della stessa. Infatti le autovetture occupano una vera e propria corsia della carreggiata.” 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium