/ Attualità

Attualità | 05 agosto 2019, 11:40

Arte e gastronomia in perfetto equilibrio nel piatto dedicato a Monet dalla chef Paola Chiolini de ‘La Balena Bianca’ di Vallecrosia.

Il piatto è stato presentato all’interno del castello dei Doria dal giornalista Claudio Porchia di fronte ad un pubblico numeroso e alla presenza del sindaco di Dolceacqua e Aldo Herlaut, il curatore della mostra ‘Monet, Ritorno in Riviera’.

Arte e gastronomia in perfetto equilibrio nel piatto dedicato a Monet dalla chef Paola Chiolini de ‘La Balena Bianca’ di Vallecrosia.

Il ponte di Dolceacqua è sicuramente una tra le più belle ed interessanti espressioni dell'architettura medievale del ponente ligure. A schiena d'asino, con una sola arcata di 33 metri presenta un profilo snello ed elegante. Claude Monet durante il suo soggiorno a Bordighera nel 1884, fu così colpito dalla bellezza di Dolceacqua da ritrarla in ben tre quadri e così la descrisse nel suo diario: “18 febbraio 1884 Dolceacqua nella Val Nervia: il luogo è superbo, vi è un ponte che è un gioiello di leggerezza…” Un forma quella del ponte che rendeva difficile l’attraversamento, in particolare per i carri, perché sia la salita sia la discesa risultano molto ripide, ma rispondeva ad una precisa scelta, quella di ridurre il carico orizzontale del ponte e potenziarne la stabilità. Monet come raccontano i suoi amici era una raffinato buongustaio, e non è un caso che il ristorante adiacente alla sua casa e giardino di Giverny proponga diversi  menù con i suoi piatti preferiti. Non era uno chef, ma seguiva personalmente la selezione delle materie prime e la compilazione del menù per i suoi ospiti. Nei suoi viaggi raccoglieva le ricette che più lo avevano colpito e le riproponeva agli amici. Il ricettario curato da Claire Joyes ci consegna una raccolta varia e precisa della sua cucina borghese e popolare, semplice e saporita. Amava sporzionare a tavola personalmente la selvaggina, gli arrosti e il pollame. Possedeva un orto molto curato e non nascondeva una vera e propria passione per le erbe, le piante aromatiche e gli ortaggi. Partendo dalla bellezza del quadro dipinto da Monet e dalle sue passioni culinarie, la chef Paola Chiolini ha realizzato un piatto che presenta le stesse caratteristiche del ponte: ardito, elegante e di grande equilibrio.  

Un mix di colori e sapori, delicato ed equilibrato, dove una fetta di pane artigianale rappresentava la figura del ponte coperto da una velo di Brandcujun e olive taggiasche, due passioni del maestro, su una crema di erbette di campo condita con olio EVO e impreziosita da un richiamo medievale rappresentato dalla cipolla egiziana. Il ricordo della passione di Monet per i fiori è stato affidato alle foglie di Nasturzio, dell'azienda Ravera bio di Albenga, che hanno aggiunto un raffinato tocco speziato al piatto, che è stato apprezzato ed applaudito da tutti gli invitati.

Paola Chiolini, autentica amante dell’Arte in tutte le sue espressioni, propone nel suo locale preparazioni molto curate e servite con presentazioni fantasiose e originali, che trasformano i piatti in vere e proprie opere d’arte. Un intreccio, quello fra arte e cucina, che si trova anche nell’attività di catering, che da oltre trenta anni la chef ha acquisito in coppia con il marito Daniele, firmando cene di gala importanti.

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium