/ Politica

In Breve

venerdì 23 agosto
giovedì 22 agosto
mercoledì 21 agosto

Politica | 23 luglio 2019, 18:26

Sanremo: ipotesi alienazione per Casa Serena, Tommasini “Sarebbe stata opportuna una discussione aperta”

“Avrei preferito analizzare attentamente questo capitolo di spesa e certificare la coerenza e congruità di tutti i costi”

Sergio Tommasini (100 per 100 Sanremo)

Sergio Tommasini (100 per 100 Sanremo)

In merito alla notizia dell'ok da parte della Giunta per l'alienazione di Casa Serena, interviene il consigliere comunale del gruppo “100 per 100 Sanremo” Sergio Tommasini.

Scriva Tommasini: “Partiamo dal fatto che Casa Serena perde circa 700 mila euro a fronte di incassi delle rette che superano i 3 milioni di euro. Una struttura che necessita importanti interventi di ristrutturazione e durante la campagna elettorale ho avuto modo di visitarla e alcuni dettagli operativi li ho appresi dal direttore e altri spunti li ho percepiti. Sarebbe stata opportuna una discussione aperta per capire se la struttura meritasse un rilancio mentre apprendiamo l’intenzione di venderla”. 

Da una parte abbiamo il tema dei nostri anziani e della possibilità di mantenere una struttura pubblica in grado di sopperire anche ai casi particolari che a volte si presentano - prosegue Tommasini - mi viene in mente il caso di Andrea Cassano e la sua compagna Anna Capobianco che per via di uno sfratto esecutivo hanno trovato una sistemazione temporanea proprio negli appartamenti all’ultimo piano della struttura. Una soluzione pubblico-privata o ibrida poteva essere analizzata al fine di fare sinergia tra le esigenze del nostro territorio e la redditività di una struttura privata. Avevo visitato anche la struttura del Franchiolo, Anni Azzurri, con il direttore Stefano Faraldi. Struttura privata molto attenta ai dettagli e alla cura degli anziani. Personalmente la considero una eccellenza nel settore”.
 

Sicuramente il momento storico è propizio per la profittabilità del business delle case per anziani - conclude Tommasini - non possiamo però dimenticare i nostri anziani soli e al fatto che si potrebbe tentare un serio rilancio delle struttura analizzando tutti le voci di costo che incidono sul capitolo del bilancio per il sociale. Oltre 12 milioni di euro dove Casa Serena pesa circa 6. Avrei preferito analizzare attentamente questo capitolo di spesa e certificare la coerenza e congruità di tutti i costi. Questo prima di procedere all’alienazione dell’ennesimo bene pubblico”. 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium