/ Attualità

Attualità | 20 luglio 2019, 16:52

Oltre 150 iscritti ad Ospedaletti per "Pedalando per un respiro", la L.I.F.C. ringrazia "Con i soldi raccolti compreremo un macchinario per il Gaslini"

Tantissimi i partecipanti all'iniziativa benefica che si è svolta questa mattina.

Oltre 150 iscritti ad Ospedaletti per "Pedalando per un respiro", la L.I.F.C. ringrazia "Con i soldi raccolti compreremo un macchinario per il Gaslini"

Sono stati oltre 150 gli iscritti alla prima edizione di "Pedalando per un respiro" ad Ospedaletti. L'iniziativa per beneficenza servirà ad aiutare la Lega Italiana Fibrosi Cistica - sezione Liguria. L'iniziativa è stata organizzata da volontari e da Bici Sport.

Al termine dell'evento, Luca Colombo per la Lega Italiana Fibrosi Cistica è arrivato un messaggio di ringraziamento per le numerose adesioni. "Grazie a BiciSport, ad Alessandra e Marco per averci creduto ed aiutato in questa nuova iniziativa! Grazie a Shimano per i gadget. Grazie alla nuova giunta comunale che ha offerto il buffet e dato una generosa offerta e si è presentata in forza al via! Grazie a Nolo Bici per il risciò donato alla presidente della lega italiana fibrosi cistica, a Miry e Nadia Grazie a BinBunBar per la strabuona focaccia! Grazie al Rifugio che ci ha donato le bellissime piante e alla Claudia per le decorazioni! Grazie alla Pasticceria SanGiovanni per le iper caramelle offerte!"

"Grazie alla presidente Gianna Puppo Fornaro che ha pedalato ed è stata con noi per tutta la manifestazione e mi ha sopportato fino ad oggi. Grazie a tutti i miei amici intervenuti in massa e sempre pronti ad aiutarci. Grazie a mia moglie che mi supporta e aiuta sempre. Grazie a tutti coloro che sono passati a sostenerci facendo donazioni! Grazie a tutti voi che ci spingete in questa corsa.. essere spinti, quando si è in salita, il percorso è meno faticoso con le donazioni verrà comprato un macchinario per il Gaslini, importantissimo per i pazienti con fibrosi cistica, la pompa da infusione venosa. Un ultimo grazie speciale va a mia figlia che mi insegna ogni giorno che vale la pena lottare, impegnarsi e a non mollare mai. Grazie davvero siate orgogliosi di voi di aiutare il prossimo".

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium