/ Cronaca

Cronaca | 18 luglio 2019, 18:11

Sanremo: gli ambulanti rispondono al servizio di ‘Nice Matin’ contro il mercato di piazza Eroi “Persa occasione per parlare in maniera oggettiva del lavoro delle forze dell’ordine”

Parla Fabrizio Sorgi, rappresentante degli operatori: “Ampia scelta e anche qualità, altrimenti non si spiega la visita dell’Emiro al-Thani”

Il mercato di Sanremo

Il mercato di Sanremo

C’era da aspettarselo. L’articolo di Nice Matin sul mercato bisettimanale di Sanremo ha fatto molto discutere in città e, soprattutto, tra gli operatori dei banchi di piazza Eroi.

Dalla Francia arrivano accuse pesanti: merce contraffatta di facile acquisto, forze dell’ordine che indicano dove poter comprare in sicurezza e merce di scarsa qualità anche sui banchi regolari. Accuse che hanno scosso non poco il mondo degli ambulanti.

Ed ecco che arriva oggi la risposta dei commercianti per voce del loro rappresentante Fabrizio Sorgi: “Ci spiace apprendere la notizia dello scoop del giornalista del quotidiano ‘Nice Matin’ riguardo il mercato di Sanremo, in particolare la trattativa di un orologio griffato contraffatto mi ha portato alla mente la trattativa di una famosa fontana di Roma del grande Totò”.

Si è persa l’occasione per parlare in maniera oggettiva di cosa è oggi il mercato bisettimanale di Sanremo - prosegue Sorgi - un lavoro svolto in concertazione con Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale dove il fenomeno dell’abusivismo e della vendita di prodotti contraffatti ha visto una netta regressione grazie all’impegno di tutte le forze dell’ordine. Non è giusto dire di aver avuto informazioni per l’acquisto di merce contraffatta dalle forze dell’ordine per poi chiudere con un crescendo di illazioni sulla merce scadente in vendita sui banchi”. 

Al mercato c’è ampia scelta di pressi e di qualità - conclude il rappresentante degli operatori del mercato - se ci si focalizza su un budget di pochi euro da spendere la risposta è logica, se invece si cerca un prodotto di qualità con 10 euro difficilmente si riesce a trovarlo, altrimenti non si spiegherebbe la visita dello scorso fine settimana dell’Emiro al-Thani”.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium