/ Cronaca

Cronaca | 17 luglio 2019, 17:44

Ventimiglia: aveva violentato l'ex fidanzata, marocchino condannato a 6 anni e 6 mesi

La sentenza è stata pronunciata questa mattina dal collegio dei giudici Donatella Aschero, Massimiliano Botti e Silvia Trevia, dopo la richiesta di condanna da parte del Procuratore Aggiunto Grazia Pradella

Ventimiglia: aveva violentato l'ex fidanzata, marocchino condannato a 6 anni e 6 mesi

Si è chiuso con una condanna a sei anni e sei mesi, il processo per violenza sessuale che ha visto sul banco degli imputati Mohammed Essabounji, marocchino 33enne, irregolare sul territorio italiano, in passato ospite in un centro migranti a Ventimiglia, accusato di aver violentato la propria ex, una trentenne italiana.

La sentenza è stata pronunciata questa mattina dal collegio dei giudici Donatella Aschero, Massimiliano Botti e Silvia Trevia, dopo la richiesta di condanna da parte del Procuratore Aggiunto Grazia Pradella, a otto anni e sei mesi nei confronti di Essabounji.

I fatti risalgono al 2016. Gli episodi di violenza contestati sarebbero avvenuti a gennaio e a settembre. La vittima, durante una delle scorse udienze, aveva testimoniato a processo, descrivendo gli attimi della relazione e il brusco epilogo, culminato con una denuncia e un provvedimento restrittivo nei confronti dell’ex, descritto come violento e manipolatore.

Secondo il racconto della donna, l’ex fidanzato, nonostante la prima violenza, avrebbe provato a dissuaderla dal denunciarlo, dicendole che la polizia non le avrebbe creduto in quanto i due erano stati fidanzati in passato.

Questo però non ha scoraggiato la donna che, su consiglio di un’amica, e dopo il secondo episodio, ha deciso di denunciare quanto accaduto.

L’uomo, difeso dall’avvocato Giovanni Maria Ferrando, è stato invece assolto per quanto riguarda gli atti persecutori denunciati dalla ex.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium