/ Attualità

Attualità | 16 luglio 2019, 14:06

Imperia: raccolta differenziata e lotta all'inciviltà, raffica di sanzioni per abbandono di rifiuti

Molti di questi sono stati ripresi dalle fototrappole mentre abbandonavano i rifiuti in Via Lorenzo Acquarone, a pochi metri dal centro di raccolta di Artallo. È attualmente in corso la verifica di ulteriori registrazioni, per cui il bilancio è destinato ad aumentare nel corso delle prossime ore.

Imperia: raccolta differenziata e lotta all'inciviltà, raffica di sanzioni per abbandono di rifiuti

Si fa più intensa l'azione di contrasto agli episodi di inciviltà legati all'abbandono di rifiuti a Imperia. Nei giorni scorsi sono stati nove i cittadini sanzionati per questo tipo di condotte. Molti di questi sono stati ripresi dalle fototrappole mentre abbandonavano i rifiuti in Via Lorenzo Acquarone, a pochi metri dal centro di raccolta di Artallo. È attualmente in corso la verifica di ulteriori registrazioni, per cui il bilancio è destinato ad aumentare nel corso delle prossime ore.

L'azione di contrasto all'abbandono di rifiuti sul territorio comunale avviene attraverso l'ausilio di otto fototrappole mobili e di agenti della Polizia Municipale in borghese. A occuparsi della questione, su delega del sindaco Claudio Scajola, è l'assessore alla Polizia Municipale Antonio Gagliano.

In totale, dall'inizio del 2019, sono state elevate più di 50 sanzioni, che variano dai 25 ai 450 euro a seconda della gravità del comportamento compiuto. La sanzione più pesante è stata inflitta, ad esempio, a tre soggetti che hanno abbandonato rispettivamente un materasso e un porta-ombrellone in cemento, una lavatrice e un forno ad incasso.

E ancora: 400 euro di sanzione per l'abbandono di vari mobili di casa, 300 euro per grandi sacchi di verde da giardino, 200 euro per una panchina in plastica. Le sanzioni più ridotte hanno riguardato invece gravi errori nel conferimento dei rifiuti nei mastelli e nei carrellati.

“La raccolta porta a porta ha prodotto buoni risultati in molte zone, meno in altre. Ha comunque permesso alla Città di Imperia di passare in pochi mesi dal 36% al 75% di raccolta differenziata. Tanto è stato fatto, molto altro è ancora da fare per superare le criticità esistenti. Tuttavia, non possiamo tollerare che persone dai comportamenti inqualificabili danneggino il decoro cittadino e la vivibilità urbana. Andremo avanti con ancora maggiore fermezza nel contrastare questi episodi inaccettabili di inciviltà", sottolinea il sindaco Claudio Scajola”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium